Malattia lunga, il certificato è doc
 

 PMI News

 
  • ott
    17
    20
    11

    Malattia lunga, il certificato è doc

    System Account
    03:48 AM

    Estesa al settore privato la disciplina dei dipendenti pubblici sulla giustificazione delle assenze

    Per la malattia lunga serve un certificato medico «doc». Nei casi di assenza superiori ai dieci giorni, infatti, il lavoratore deve munirsi di certificato rilasciato da un medico del servizio sanitario o convenzionato. Il vincolo, finora vigente per gli impiegati statali, è stato esteso al privato dal Collegato lavoro.

    E vale non solo in caso di lunghe malattie (superiori a dieci giorni), ma per le infermità oltre la seconda in un anno.  

    Malattia online

    La novità scaturisce dal processo di uniformazione dei regimi previsti per i dipendenti pubblici e quelli privati in ordine alle certificazioni di malattia. Unificazione che ha portato, dal 14 settembre, all'entrata in vigore di un'unica disciplina sulla trasmissione in via telematica dei certificati medici all'Inps. La necessità di un certificato «doc» già vigente per i dipendenti pubblici e ora estesa ai privati scaturisce proprio da questa equiparazione.

    La nuova mappa​ ​

    Certificazioni in via telematica​

    ​Dal 14 settembre il datore di lavoro privato non può più chiedere al proprio lavoratore l’invio della copia cartacea dell’attestazione di malattia, ma deve prenderne visione avvalendosi dei servizi resi disponibili dall’Inps

    Quando serve il certificato doc​

    ​Le malattia superiori a dieci giorni e gli eventi successivi al secondo (in un anno) vanno giustificati con certificazioni rilasciate unicamente da medici dell’Ssn

    Quando è possibile il certificato su carta​

    ​Le assenze di malattia per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche o diagnostiche possono essere giustificate con certificazione anche su carta rilasciata da medico o struttura privata

    La visita fiscale si chiede online​

    ​Dal 1° ottobre le richieste di visita medica di controllo devono essere inoltrate mediante canale telematico. Fino al 30 novembre le richieste inviate mediante i canali tradizionali vengono considerate validamente presentate ai fini degli effetti giuridici previsti dalla normativa in materia. Dal 1° dicembre il canale telematico diventa esclusivo

      
    Regime unico

    La legge n. 183/2010 (Collegato lavoro), nel completare questo processo di unificazione, ha fatto un rimando integrale ed esplicito all'articolo 55-septies del dlgs n. 165/2001, ossia al T.U. sul pubblico impiego. Ciò ha comportato, evidentemente, l'entrata in vigore di un unico regime per i dipendenti sia del settore pubblico che privato, anche per quanto concerne gli aspetti sanzionatori riferiti ai medici del Ssn o con esso convenzionati. Successivamente, con l'entrata in vigore (dal 6 luglio) del dl n. 98/2011, è arrivata un'ulteriore innovazione: «Nel caso in cui l'assenza per malattia abbia luogo per l'espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche o esami diagnostici l'assenza è giustificata mediante la presentazione di attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privata, che hanno svolto la visita o la prestazione».

    Quando serve una certificazione «doc»

    Il Collegato lavoro ha stabilito che, per garantire un quadro completo e univoco delle assenze per malattia nei settori pubblico e privato, nonché un efficace sistema di controllo, dal 1° gennaio 2010 (termine poi slittato al 14 settembre scorso, per il solo settore privato), in tutti i casi di assenza per malattia dei dipendenti di datori di lavoro privati, per il «rilascio» e la «trasmissione» della attestazione di malattia si applicano le disposizioni di cui all'articolo 55-septies del dlgs n. 165/2001. È proprio questo rinvio normativo a determinare, per il settore privato, la necessità di ricorrere a una certificazione «doc» in alcune situazioni. Nel dettaglio è nei casi di assenza per malattia superiori a dieci giorni e comunque nei casi di eventi successivi al secondo nel corso dello stesso anno solare che anche per il lavoratore del settore privato è divenuto obbligatorio produrre, al datore di lavoro, idonea certificazione rilasciata unicamente dal medico del Ssn o con esso convenzionato. Fa eccezione a tale regole l'assenza di malattia per l'espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche o diagnostiche per le quali la certificazione giustificativa può essere rilasciata anche da medico o struttura privata.


    Autore
    : Carla De Lellis
    Fonte: ItaliaOggi Sette 17 ottobre 2011

     
 

 Ultime News

 

Il tuo ufficio in tasca con Office 365

La tua agenda, i tuoi documenti, le email, i tuoi contatti e tutto quello che ti serve per lavorare in modo efficiente, ovunque sei e con qualsiasi dispositivo.

Guarda la DEMO 




Trova un esperto IT 

Trova un
esperto IT

Microsoft Pinpoint è il marketplace in cui trovi applicazioni e servizi in grado di soddisfare le esigenze della tua azienda.

Contattaci
Seguici su Twitter Trovaci su Facebook