Persone, dispositivi e dati sempre più mobili: motivi per sviluppare una strategia di consumerizzazione

Le persone si spostano, nei luoghi e nel tempo. Nell'ultimo decennio lavorare in remoto è diventata un'abitudine sempre più diffusa. Molte delle organizzazioni più importanti del mondo, tra cui British Telecom, Procter & Gamble, Microsoft, IBM e Accenture, hanno già parzialmente o completamente eliminato gli uffici tradizionali. Questo trend è destinato ad accelerare nei prossimi decenni a seguito della globalizzazione del lavoro attualmente in corso, della domanda in costante crescita dei clienti e dei costi e tempi dei trasferimenti. Al tempo stesso, sia i lavoratori remoti che i manager diventano sempre più consapevoli delle sfide associate al lavoro virtuale per quanto riguarda la comunicazione interna, l'interazione social, nonché la soddisfazione e l'impegno dei dipendenti.
Le persone diventano inoltre lavoratori mobili a causa dell'ampia domanda di lavoratori indipendenti, con il conseguente cambiamento del modo di considerare lavoro e carriera. Coloro che ultimamente entrano nel mondo del lavoro sono alla ricerca di opportunità come fornitori, per avere la possibilità di controllare il proprio futuro. Per le aziende questo cambiamento offre l'opportunità di attingere a un "cloud di persone" flessibili e rispondere più rapidamente alla domanda del mercato.
I dispositivi diventano mobili grazie ai progressi della tecnologia elettronica che consente di sviluppare dispositivi più piccoli con maggiore potenza di elaborazione e un minor consumo energetico, a costi relativamente contenuti. Gli smartphone dotati di unità di elaborazione multicore e i tablet che stanno comodamente in una borsa con consumi energetici bassissimi sono il risultato di tali progressi. In Worldwide Quarterly Mobile Phone Tracker, IDC prevede che "la domanda di smartphone aumenterà in conseguenza dell'influenza di fattori come il desiderio degli utenti di sostituire i cosiddetti feature phone con un dispositivo più avanzato/basato sui dati, mentre i gestori telefonici tendono ad aumentare il numero di piani dati.”
Le applicazioni diventano mobili grazie ai progressi della tecnologia software. I miglioramenti dei sistemi operativi e la virtualizzazione consentono la portabilità delle applicazioni, per garantirne il funzionamento su più dispositivi o addirittura nel cloud. I miglioramenti nella tecnologia Web, come HTML 5, consentono di realizzare applicazioni Internet avanzate, accessibili da una vasta gamma di dispositivi. Le applicazioni accompagnano l'utente, indipendentemente dalla piattaforma, dal sistema operativo o dal dispositivo.
I dati diventano mobili grazie ai progressi a livello di connettività, ampia disponibilità delle reti wireless e presenza di reti cellulari in tutto il mondo. I dati fluiscono attraverso dispositivi e servizi cloud, offrendo all'utente una visione comune da diversi dispositivi e località.
Le strategie di consumerizzazione dell'IT offrono alle aziende un valore incentrato sull'utente, mettendo in evidenza produttività, disponibilità, soddisfazione e fidelizzazione della forza lavoro. I dipendenti di oggi vogliono poter scegliere come svolgere il proprio lavoro e i datori di lavoro possono usare la consumerizzazione dell'IT come fattore attrattivo e di differenziazione nella fase di assunzione.
Le strategie di consumerizzazione dell'IT sollevano inoltre il personale IT da molte attività non strategiche, ad esempio l'acquisto e la gestione dei dispositivi, la gestione delle risorse e il provisioning. Queste operazioni possono essere eseguite al di fuori dell'organizzazione, riducendo i costi operativi.
Benché l'adozione di una strategia di consumerizzazione dell'IT offra molti vantaggi, introduce anche rischi che occorre affrontare. La progettazione di una roadmap che includa metodi per gestire risorse digitali, sicurezza e governance fornirà il valore per il miglioramento dell'infrastruttura di sicurezza di un'azienda.
Scaricare il white paper per sviluppare un proprio documento sulla consumerizzazione dell'IT oppure, per maggiori informazioni, vedere il nostro webcast sulla consumerizzazione dell'IT per professionisti.