Ricerca Microsoft Security
Ricerca Microsoft.com

Family Safety

Insegna ai membri della tua famiglia a utilizzare Internet in tutta sicurezza con queste linee guida. Informati sulle impostazioni di sicurezza per la famiglia dei prodotti Microsoft.

Insegna ai tuoi figli le regole base di sicurezza online

Insegna ai tuoi figli le regole base di sicurezza online

Se sei genitore, puoi aiutare i tuoi figli ad utilizzare Internet in tutta sicurezza insegnando loro alcune regole di base. Ecco alcune lezioni fondamentali che i genitori possono trasmettere ai propri figli.

  • Insegna ai tuoi figli a tenere segrete le password

    I ragazzi creano nomi utente e password online per la scuola, i siti Web di giochi, i social network, la pubblicazione di foto, lo shopping e molto altro.

    Secondo uno studio condotto da Teen Angels di Wired Safety, il 75% dei bambini di 8-9 anni hanno condiviso la propria password con qualcun altro, contro il 66% delle ragazze delle scuole medie e superiori.

    Prima regola della sicurezza su Internet: tenere le password segrete. Insegna ai tuoi figli a trattare le password con la stessa cura riservata ai loro segreti.

    Ecco alcune regole che i minori dovrebbero conoscere e seguire sempre.

    • Non rivelare ad altri le proprie password. Tieni nascoste le password, anche dagli amici.

    • Proteggere le password registrate. Fai attenzione a dove riponi le password registrate o annotate. Non conservare le password in zaini o portafogli. Non lasciare traccia delle password in luoghi in cui non si lascerebbero mai le informazioni protette dalle stesse password. Non memorizzare le password in file sul computer. È il primo posto in cui vanno a guardare i criminali.

    • Non inviare la password tramite posta elettronica, anche se in risposta a una richiesta arrivata via email. Eventuali messaggi di posta elettronica che richiedono la password o richiedono di visitare un sito Web per verificare la password possono rappresentare una truffa chiamata phishing.

      In essa rientrano anche le richieste da siti affidabili solitamente visitati dall'utente. I truffatori spesso creano false email con loghi e linguaggio di siti reali. Ulteriori informazioni sui tentativi di phishing.

    • Non inserire le password in computer sui quali non si ha controllo. Non utilizzare computer pubblici di scuole, biblioteche, Internet cafè o laboratori informatici, a meno che la navigazione in Internet non avvenga in forma anonima.

      Non utilizzare tali computer per account che richiedono nome utente e password. Gli utenti malintenzionati possono acquistare a costi minimi alcuni dispositivi molto semplici da installare che registrano la sequenza dei tasti digitati. Attraverso questi dispositivi, gli utenti malintenzionati possono raccogliere da Internet le informazioni immesse su un computer. Per ulteriori informazioni, consulta Cinque passaggi per utilizzare un computer pubblico.

  • Insegna ai tuoi figli come utilizzare i social network in tutta sicurezza

    I tuoi figli potrebbero utilizzare siti di social networking destinati ai ragazzi, come ad esempio Webkinz o Club Penguin, oppure siti destinati agli adulti quali Windows Live Spaces, YouTube, Myspace, Flickr, Twitter, Facebook e altri.

    I minori utilizzano i social network per entrare in contatto con utenti che vivono dall’altra parte del mondo o con gli amici che incontrano ogni giorno a scuola.

    I minori devono sapere che molti di questi siti di social networking possono essere visualizzati da chiunque abbia accesso a Internet. Di conseguenza, alcune delle informazioni pubblicate possono renderli vulnerabili a fenomeni di phishing, cyberbullismo e attirare l’attenzione degli adescatori. Esistono vari metodi per consentire ai minori di utilizzare i siti di social networking in sicurezza.

    • Parla con i tuoi figli e fatti raccontare le loro esperienze. Incoraggia i tuoi figli a dirti se qualcosa che hanno visto su Internet li ha turbati, spaventati o minacciati. Mantieni la calma e ricorda ai tuoi figli che è GIUSTO segnalarti queste situazioni. Fai capire loro che li aiuterai a risolvere positivamente la questione.

    • Stabilisci delle regole per l’uso di Internet. Quando i tuoi figli iniziano a usare Internet da soli, sarebbe meglio stabilire delle regole. In queste regole deve essere specificato se i ragazzi possono utilizzare i siti Web di social networking e in che modo. Per maggiori informazioni su come stabilire queste regole, leggi il documento Usa i contratti familiari per proteggere i tuoi figli online (in inglese).

    • Assicurati che i tuoi figli rispettino i limiti di età. L'età consigliata per iscriversi ai siti Web di social networking è solitamente di 13 anni. Se i ragazzi sono più piccoli, non autorizzarli a visitare questi siti. Non puoi fare affidamento sul fatto che siano gli stessi servizi ad impedire ai ragazzi di età inferiore di iscriversi.

    • Informati. Valuta i siti che i tuoi figli intendono utilizzare e assicurati che entrambi comprendiate l'informativa sulla privacy e il codice di condotta. Cerca di scoprire se il sito monitora i contenuti pubblicati dagli utenti. Visita periodicamente la pagina creata da tuo figlio.

    • Insegna ai tuoi figli che non bisogna mai incontrare di persona gli utenti con cui si è comunicato solo online. Per i ragazzi è molto pericoloso incontrare di persona sconosciuti con cui hanno comunicato solo online. Dire semplicemente ai figli di non parlare con gli sconosciuti potrebbe non bastare, perché potrebbero non considerare estranea una persona "conosciuta" online. Per ulteriori consigli su come proteggere i tuoi figli su Internet, leggi il documento Adescatori online: cosa puoi fare per ridurre al minimo i rischi.

    • Incoraggia i tuoi figli a comunicare con persone che già conoscono. Puoi proteggere i tuoi ragazzi incoraggiandoli a utilizzare questi siti solo per parlare con i loro amici, ma non con estranei mai incontrati di persona.

    • Controlla che i tuoi figli non usino i propri nomi completi. Insegna ai tuoi figli a utilizzare solo il nome di battesimo o uno pseudonimo, che però non dia adito a interpretazioni ambigue. Inoltre, verifica che i tuoi figli non usino i nomi completi dei loro amici.

    • Fai attenzione alle informazioni identificabili inserite nei profili dei ragazzi. Molti siti di social networking offrono ai ragazzi la possibilità di partecipare a gruppi pubblici formati da tutti gli studenti che frequentano la stessa scuola.

      Fai attenzione se i tuoi figli rivelano informazioni in grado di identificarli, ad esempio una mascotte della scuola, un luogo di lavoro, il nome della città in cui vivono. Troppe informazioni possono rendere i ragazzi vulnerabili a cyber-bulli, adescatori, truffe online o furti di identità. Per maggiori informazioni, leggi Riconosci i tentativi di phishing e le false e-mail.

    • Considera la possibilità di utilizzare un sito non troppo pubblico. Alcuni siti Web offrono la possibilità di proteggere la propria pagina con una password o di utilizzare altri metodi per limitare l'accesso esclusivamente a persone che tuo figlio conosce. In Windows Live Spaces, ad esempio, puoi impostare delle autorizzazioni per la visualizzazione del sito, consentendola a tutti gli utenti di Internet o solo alle persone da te selezionate.

    • Controlla i dettagli delle fotografie. Spiega ai tuoi ragazzi che le foto possono rivelare molte informazioni personali. Incoraggiali a non pubblicare foto che ritraggono loro o gli amici e che contengono dettagli chiaramente identificabili, ad esempio, un cartello stradale, la targa dell'auto o il nome della scuola stampato su un capo di abbigliamento.

    • Metti in guardia i tuoi figli sui rischi che comporta esprimere le proprie emozioni ad estranei. Forse avrai già consigliato ai tuoi figli di non comunicare con estranei direttamente online. Tuttavia, i ragazzi tendono a utilizzare i siti Web di social networking anche per tenere diari o scrivere poesie in cui spesso esprimono forti emozioni.

      Spiega ai tuoi figli che chiunque abbia accesso a Internet può leggere quello che scrivono e che gli adescatori vanno spesso in cerca di ragazzi emotivamente vulnerabili.

    • Spiega ai tuoi figli il fenomeno del cyberbullismo. Quando i tuoi figli sono abbastanza grandi da utilizzare i siti Web di social networking, parla loro del fenomeno del cyberbullismo. Dì loro che se ritengono di essere vittime di cyberbulli, è importante segnalare queste informazioni a un genitore, un insegnante o una persona fidata. È inoltre importante stimolare i ragazzi a comunicare online con le persone così come farebbero di persona. Chiedi ai tuoi figli di trattare gli altri nello stesso modo in cui vorrebbero essere trattati loro stessi.

    • Rimozione della pagina del minore. Se i tuoi figli si rifiutano di rispettare le regole che hai stabilito per la tutela della loro sicurezza e hai già provato, invano, a fargli cambiare atteggiamento, puoi contattare il sito Web in questione e chiedere di rimuovere la pagina di tuo figlio. Potresti anche prendere in considerazione gli strumenti di filtraggio Internet (come ad esempio Windows Live Family Safety) come integrazione, ma non in sostituzione, del controllo genitoriale.

      Vuoi maggiori informazioni su come proteggere i tuoi figli su Internet? Leggi Proteggi i minori collegati a Internet: quattro accorgimenti che puoi adottare.

  • Se i tuoi figli scrivono un blog, assicurati che non rendano pubbliche troppe informazioni

    La pratica del blog, termine derivante da "Web log" (diario online), si è diffusa molto rapidamente, specialmente tra gli adolescenti che spesso tengono un blog senza che i genitori o i tutori ne siano a conoscenza.

    I social network hanno ormai superato i blog come passatempo preferito di gran parte degli adolescenti; tuttavia, molti ragazzi utilizzano comunque i blog sui siti Web di social networking. Studi recenti hanno dimostrato che gli autori di circa la metà dei blog presenti in rete sono adolescenti: due ragazzi su tre indicano la propria età, tre su cinque rivelano il proprio indirizzo e altre informazioni di contatto e uno su cinque pubblica il proprio nome completo. Condividere informazioni personali dettagliate può essere pericoloso.

    Anche se tenere un blog può offrire molti vantaggi, ad esempio migliorare le capacità di scrittura e comunicazione, è importante che i ragazzi ricevano una formazione su Internet e i blog prima di iniziare a usarli, così come si frequenta una scuola guida prima di mettersi al volante di un'auto. Ecco alcuni suggerimenti iniziali:

    • Stabilite delle regole per l’utilizzo di Internet con i tuoi figli e rimani sempre attento.

    • Vaglia il materiale che i ragazzi intendono pubblicare. Anche informazioni apparentemente innocue, ad esempio la mascotte della scuola o la foto della città, possono rivelare qual è la scuola frequentata dall'autore.

    • Prova a chiederti (e istruisci i ragazzi a fare lo stesso) se una parte qualsiasi del contenuto da pubblicare potrebbe risultare ambigua o non appropriata a un estraneo. In caso di dubbio, elimina il materiale.

    • Controlla il servizio di blog e scopri se offre blog privati e protetti da password.

    • Salvate l'indirizzo web del blog di tuo figlio e visitalo regolarmente.

    • Visita altri blog per mostrare ai ragazzi esempi positivi da emulare.

  • Fai attenzione alle truffe online

    Secondo la Federal Trade Commission, il 31% delle vittime di furti di identità sono giovani. Gli adolescenti rappresentano un obiettivo allettante in quanto hanno una buona posizione creditizia e quasi nessun debito e tendono inoltre ad essere meno attenti degli adulti in merito alla protezione delle informazioni personali.

    Alcune cose che i ragazzi devono sapere per essere consumatori intelligenti ed evitare le truffe online:

    • Non condividere mai le informazioni personali. Non divulgare informazioni personali, ad esempio nome e cognome o la città di residenza, in un messaggio istantaneo o una chat room a meno che non si è certi dell'identità della persona con cui si sta chattando.

    • Disconnettersi quando ci si trova in luoghi pubblici. Se utilizzi un computer di una biblioteca o un Internet cafè, disconnettiti prima di abbandonare il luogo. Non puoi mai essere sicuro dei software installati su questi computer ed eventualmente se ci sono installati software in grado di tenere traccia dei tasti digitati.

    • Creare password sicure e tenerle segrete. Per maggiori informazioni, leggi l’articolo 1 riportato sopra.

    • Usare unicamente siti protetti. Se i tuoi figli fanno acquisti sul Web, devono essere sicuri che l'URL del sito in cui immettono le informazioni di pagamento inizi con la sigla https:// e che presenti l'icona di un lucchetto giallo nell'angolo in basso a destra o una barra degli indirizzi di colore verde. Per controllare il certificato di protezione del sito, possono fare clic sull'icona o sulla barra degli indirizzi.

    • Saper riconoscere e segnalare le truffe. Insegna ai tuoi figli quali sono i segnali di avvertimento di una truffa di identità: offerte di carte di credito preautorizzate, telefonate da parte di agenzie di credito oppure estratti conto sospetti. Se tuo figlio sospetta un caso di truffa di identità, agisci immediatamente per limitare i danni. Contatta la società di emissione della carta di credito, le banche, le tre agenzie di tutela del credito e la polizia. Chiudi tutti i conti che hanno subito la truffa e cambia le password di tutti gli account online. Tieni traccia di tutte le misure adottate.