Microsoft garantisce migliori funzionalità a prezzi ridotti

Data di pubblicazione: 2005

Le esigenzeTop

La qualità come obiettivo
Nata nel 1957 come piccola azienda del settore dello stampaggio a iniezione dei materiali termoplastici, Wegaplast vive una costante crescita aziendale arrivando a distinguersi a livello internazionale, tra le aziende del settore, per l’alto livello tecnologico dei propri procedimenti produttivi. La grande attenzione all’efficienza e all’innovazione cha caratterizza Wegaplast ha recentemente portato a un aggiornamento dell’infrastruttura informatica, ora completamente basata su piattaforma Microsoft – abbandonando anche una soluzione Firewall basata su Linux per sostituirla con Microsoft ISA Server 2000. “L’infrastruttura informatica precedente era basata su dominio Windows NT, la posta elettronica interna era gestita da un server con Microsoft Exchange Server 5.5, mentre quella diretta all’esterno era gestita da un provider; l’accesso a Internet avveniva tramite un Firewall e un Proxy Server su sistema operativo Linux. I problemi principali che derivavano da questa situazione erano essenzialmente riconducibili alla mancanza d’integrazione tra le diverse componenti dell’infrastruttura e si traducevano in scarsa flessibilità, e difficoltà di gestione e manutenzione”,afferma Marco Martignani, Responsabile EDP di Wegaplast S.p.A.

La soluzioneTop

Necessità di una moderna piattaforma tecnologica
Per ottenere un’infrastruttura informatica che offrisse il massimo livello d’integrazione e le migliori funzionalità, Wegaplast decide di affidarsi alla più recente piattaforma tecnologica Microsoft e di rinnovare il proprio parco macchine in modo da sfruttarne al massimo le potenzialità. L’azienda individua Alya s.r.l. come partner con cui pianifica e poi porta a termine tutte le attività. “La parte fondamentale del progetto riguardava la migrazione del dominio Windows NT a un dominio basato su Microsoft Windows Server 2003, e del sistema di posta elettronica da Exchange 5.5 a Microsoft Exchange Server 2003. Sebbene si trattasse di un’attività abbastanza complessa, gli strumenti di migrazione hanno funzionato così bene da permetterci di portarla a termine in un tempo sorprendentemente breve: in meno di una settimana era già tutto perfettamente funzionante, e senza che gli utenti si siano accorti di nulla. Anche l’installazione di ISA Server 2000 in sostituzione della soluzione Firewall-Proxy basata su Linux è stata molto rapida, in soli tre giorni l’installazione e le prime prove erano già concluse”.

I beneficiTop

Affidabilità, integrazione ed economicità di gestione
“I vantaggi della nuova infrastruttura sono stati immediati: avere un’infrastruttura perfettamente integrata, con Active Directory come elemento centrale, semplifica notevolmente il lavoro; ora per esempio l’integrazione con Exchange Server è totale, quindi non c’è distinzione, e di conseguenza nessuna ripetizione, nella definizione degli utenti del dominio e degli utenti del servizio di posta elettronica.
Un altro strumento che si è rivelato importantissimo è il Software Update Services: prima era impossibile riuscire a tenere aggiornate le installazioni dei sistemi operativi, ora basta un clic per approvare l’installazione degli aggiornamenti della protezione e dei Service Pack per tutte le macchine. I vantaggi a livello d’integrazione della piattaforma si sono fatti sentire anche rispetto a Microsoft ISA Server 2000: è finalmente possibile il controllo degli accessi a Internet sulla base degli utenti, e anche in questo caso Active Directory è un elemento unificante. La scelta di un’infrastruttura completamente basata su piattaforma Microsoft si è rivelata molto vantaggiosa, sia dal punto di vista delle funzionalità, sia dal punto di vista della facilità di gestione e del contenimento dei costi”, spiega Martignani.


Il cliente

I partner

Case History in breve