“Viaggiare informati” sui treni regionali con Windows Mobile

Data di pubblicazione: 2006

Le esigenzeTop

Obiettivo: pendolari più soddisfatti
Trenitalia è continuamente impegnata a migliorare il servizio ai viaggiatori. Il trasporto regionale rappresenta un’area di focalizzazione particolare, in quanto interessa utenti abituali, per la maggior parte i pendolari che utilizzano il treno ogni giorno per recarsi sul luogo di lavoro o di studio. Come acquisire maggiore efficienza elevando il livello di servizio ai clienti? Una delle strategie su cui punta Trenitalia è l’informazione, sia verso i passeggeri, sia verso la stessa macchina organizzativa che “fa viaggiare i treni”. Informare per tempo i viaggiatori di un ritardo o di un disguido è già un passo importante nella direzione del miglioramento del servizio, ma un’informazione tempestiva al personale che può intervenire per risolvere il problema è un elemento decisivo. Trenitalia ha istituito una nuova figura professionale, quella dell’Assistente di Linea, che ha il compito specifico di fornire ai passeggeri tutte le informazioni necessarie sullo stato della circolazione della linea di cui è responsabile, a bordo o a terra: cambi d’orario, ritardi, coincidenze e di raccogliere dai viaggiatori segnalazioni di malfunzionamenti o di disservizio.

Accedere alle applicazioni sullo stato della circolazione
Quali strumenti fornire agli Assistenti di Linea e al personale che a terra o a bordo è a contatto con i viaggiatori? Non si tratta di persone che stanno in ufficio, ma di mobile worker che lavorano sui treni e nelle stazioni. Il telefono cellulare fa già parte della loro dotazione strumentale, ma per rendere disponibili le informazioni che occorrono in realtà ci vorrebbe un computer, o almeno un Pocket PC. Queste informazioni risiedono infatti su sistemi informatici correntemente usati nella gestione del traffico ferroviario come, per esempio, i sistemi per il monitoraggio della circolazione e della puntualità oppure l’orario nazionale, che nelle tratte regionali è interessato da numerose Variazioni in Corso d’Orario (VCO): accedere a queste applicazioni da dispositivi mobili permetterebbe al personale di avere informazioni in tempo reale su coincidenze, ritardi e variazioni d’orario. Vincenzo Bloise è Responsabile Sviluppo Sistemi Marketing e Distribuzione in Trenitalia. “Abbiamo affidato a Tele Sistemi Ferroviari, l’azienda che all’interno del Gruppo Ferrovie dello Stato gestisce i servizi IT e gli applicativi attraverso i quali vengono seguiti i processi amministrativi e di produzione, l’indagine di mercato per verificare la valutazione di apparecchiature del tipo Pocket PC, in grado di collegarsi ai sistemi che gestiscono l’esercizio del traffico ferroviario e la manutenzione dei mezzi”, dichiara Bloise. “Tra i requisiti essenziali era stata indicata la compatibilità con le tecnologie Microsoft e la piattaforma Windows. Tra i desiderata figurava inoltre la possibilità di utilizzare queste apparecchiature come telefono, perché si voleva evitare di equipaggiare il personale con due strumenti distinti, il cellulare e il Pocket PC, sia per contenere i costi sia per motivi di praticità d’utilizzo. Abbiamo selezionato il dispositivo Qtek 2020i, che aveva il vantaggio di aver ottenuto dall’operatore di telefonia mobile la certificazione richiesta come palmare e come telefono.”

La soluzioneTop

Cellulare GPRS e Pocket PC, in un unico dispositivo
I Qtek 2020i, equipaggiati con il sistema operativo Microsoft Windows Mobile Pocket PC Phone Edition, offrono le funzionalità di un palmare e di un telefono GPRS per la trasmissione wireless di traffico voce e dati. Con uno strumento del genere è possibile telefonare, consultare la posta elettronica, accedere ai sistemi aziendali in modalità wireless da un unico dispositivo integrato.
Dopo aver effettuato le necessarie verifiche nella fase pilota, Trenitalia ha sostituito i cellulari del personale di bordo dei treni del trasporto pubblico locale con circa 6000 Pocket PC Phone Edition Qtek 2020i. Questi apparati sono stati dotati di applicazioni Mobili specifiche per interagire con applicazioni Line of Business di vario tipo, dalla normativa alle informazioni sulla circolazione ferroviaria e sono entrati in esercizio nel periodo compreso tra marzo e luglio 2005. “Volevamo limitare al minimo il lavoro di sviluppo delle interfacce tra le applicazioni e i dispositivi mobili”, dichiara Bloise. “Da questo punto di vista l’integrazione nativa tra il sistema operativo dei dispositivi client e le applicazioni di back end ci ha consentito di evitare una costosa migrazione applicativa. Ci siamo limitati a sviluppare delle componenti software lato client, ma le applicazioni lato server rimangono le stesse: semplicemente abbiamo abilitato un nuovo canale attraverso il quale possono essere interrogate.” Tele Sistemi Ferroviari, che gestisce l’intera infrastruttura dei sistemi di Trenitalia, si è fatta carico del necessario lavoro di sviluppo software, svolto in collaborazione con Microsoft Consulting Services utilizzando Microsoft Visual Studio .NET come tool di programmazione nel quadro del framework .NET di Microsoft.
Se in una prima fase le applicazioni interrogabili sono quelle relative allo stato del trasporto ferroviario ed agli orari, si prevede di implementare nuove interfacce per l’accesso ad altri applicativi nel campo della programmazione integrata dei turni, della disponibilità del materiale rotabile o della comunicazione di informazioni alla clientela: non si tratta di migrare le applicazioni, ma soltanto di sviluppare delle interfacce, dato che il sistema operativo è il medesimo.

I beneficiTop

Abbreviata la catena di comunicazione: visibili i miglioramenti
“Abbiamo sostituito dei normali telefoni cellulari con strumenti molto più potenti e versatili, praticamente allo stesso prezzo”, sottolinea Bloise. “Il Personale di Bordo e gli Assistenti di Linea sono molto soddisfatti dei risultati che facilitano molto il loro lavoro, e prevediamo di dotare questi strumenti con nuove applicazioni utili alle funzioni di esercizio, come la gestione della modulistica di servizio per l’assegnazione degli orari di inizio e fine turno, oppure per la richiesta di attività di manutenzione.” Sono in fase di sperimentazione applicazioni di biglietteria elettronica e gestione degli abbonamenti, sfruttando il Pocket PC come dispositivo POS.
“L’introduzione dei Pocket PC Phone Edition equipaggiati con sistema operativo Microsoft Windows Mobile consente al personale di collegarsi ai sistemi centrali e di ottenere le informazioni di cui hanno bisogno in tempo reale, riducendo drasticamente la catena di comunicazione tra centro e periferia e tra personale di scorta e passeggeri”, continua Bloise. “Il risultato è un aumento del livello di efficienza del servizio e un miglioramento della soddisfazione dei clienti.” Il ritorno dell’Investimento per questo progetto di mobility applicato alle ferrovie è ancora oggetto di dettagliata valutazione, ma i benefici prefigurabili sono già evidenti. “Supponiamo che su un treno si verifichi un guasto del sistema di riscaldamento all’interno di un vagone”, esemplifica Bloise. “Con questi nuovi dispositivi il personale di scorta può segnalare il malfunzionamento agli addetti alla manutenzione prima ancora che il treno arrivi in stazione. Ciò significa velocità di esecuzione, abbreviazione dei tempi di transito presso i servizi di manutenzione, aumento della disponibilità della flotta e, in ultima analisi, maggiore comodità per i viaggiatori.” Anche i dirigenti di Trenitalia sono equipaggiati con i Qtek2020i: in questo modo possono consultare sempre la propria posta elettronica, ottenere informazioni di prima mano dai sistemi e intervenire a livello manageriale nella gestione di eventuali criticità.
“Data l’apertura della piattaforma tecnologica Microsoft e la facilità con cui è possibile interfacciare altri applicativi, questa è solo la prima tappa della diffusione di questo tipo di soluzioni mobili al personale di Trenitalia”, conclude Bloise. “Stiamo studiando il coinvolgimento di altre famiglie professionali, come il personale di condotta e quello di officina.”


Il cliente

Case History in breve

Documenti scaricabili