Vimar prosegue nell’espansione internazionale con tecnologia Microsoft

Data di pubblicazione: 2005

Le esigenzeTop

La piattaforma Microsoft accompagna l’espansione dell’azienda
Vimar ha sempre considerato le tecnologie informatiche come centrali per garantire la qualità dei prodotti e per l’ottimizzazione dei processi. La prima piattaforma Microsoft è stata implementata nel 1999 ed oggi tutti gli applicativi, dal gestionale SAP fino al software di progettazione e controllo della produzione sono sviluppati su architettura Microsoft. L’ambiente operativo si sviluppa su oltre 430 client e 30 server, ed è basato su Windows Server 2003 con Active Directory e Microsoft Exchange Server 2003.
“Le nostre scelte di investimento in tecnologie dell’informazione seguono da molti anni una logica di continua evoluzione all’interno di una piattaforma consolidata e in grado di valorizzare le nostre competenze interne”, premette Monica Andretta, Responsabile Informatica Distribuita in Vimar. “Riteniamo oggi fondamentale il vantaggio competitivo derivato da un’architettura che offre i massimi livellli di efficienza nella gestione IT e sul piano della produttività personale degli utenti, con la garanzia di una scalabilità immediata nel momento in cui le esigenze di business lo richiedano”. Le prestazioni offerte dalle ultime versioni delle tecnologie Microsoft, insieme alla possibilità di effettuare la migrazione in tempi molto ridotti hanno portato i responsabili Vimar all’approvazione di un progetto evolutivo presentato dal Microsoft Gold Certified Partner IrisCube, che da tempo offre a Vimar un servizio di analisi, progettazione e consulenza sistemistica ad alto livello.

La soluzioneTop

Garantire continuità di esercizio e supporto agli utenti mobili
Nel piano di migrazione, tutti i servizi business critical sono realizzati su cluster per garantire la massima affidabilità e l’elevato livello di scalabilità richiesto dalla rapida espansione di Vimar. Active Directory e Microsoft Exchange Server 2003 sono considerati sistemi chiave per l’evoluzione applicativa nei prossimi anni, con un importante punto di forza costituito dall’ottimizzazione delle capacità di supporto alla mobilità degli utenti. Il piano di licensing Microsoft Select License ha finora garantito ampia flessibilità di scelta e la possibilità di effettuare test preventivi sui prodotti. Le nuove funzioni di Microsoft Exchange Server 2003 sono servite per configurare il supporto all’attività di oltre 30 utenti in area commerciale che utilizzano laptop e telefoni cellulari per l’accesso alle risorse informative, oltre ai numerosi utenti che sfruttano Microsoft Outlook® Web Access su desktop e PC portatili per la connessione da postazioni remote. Tutti gli utenti abilitati possono così accedere a servizi Web based di comunicazione e di business intelligence. Microsoft Windows Server 2003 supporta inoltre l’intero ambiente di sviluppo, test e produzione del gestionale SAP e le funzioni di business warehouse, file server e print server. Anche la gestione delle postazioni di lavoro e dei sistemi di sicurezza è garantita da una consolle centralizzata su ambiente Windows Server 2003.

I beneficiTop

Flessibilità dei server applicativi ed efficienza di gestione
L’entrata in produzione della nuova piattaforma Microsoft è stata immediatamente apprezzata sia dal personale sistemistico, sia dagli utenti delle diverse funzioni aziendali. La maggior efficienza degli strumenti di gestione ottenuta con il cambio di piattaforma è considerata fondamentale dalle 4 persone dedicate al supporto sistemistico che amministrano un elevato numero di server in tutte le aree del processo produttivo, mentre gli utenti di sistemi client si sono subito impadroniti delle funzioni avanzate di gestione delle attività personali. “Microsoft Exchange Server 2003 offre il vantaggio di un’ottima interfaccia utente e di una migliore usabilità in ambito collaborativo, con una serie di funzioni, come la replica dei public folder, molto migliorate rispetto alla versione precedente”, afferma Andretta. “Gli utenti sono oggi in grado di gestire meglio le proprie attività quotidiane, quali organizzazione di riunioni e condivisione dei calendari, il personale di supporto sistemistico ha rilevato una maggior stabilità dei cluster e una notevole semplicità di gestione hardware e software”. Riduzione dell’impegno sistemistico ed evoluzione verso piattaforme integrate “Con l’introduzione di Windows Server 2003 e Active Directory ho rilevato un netto miglioramento nella gestione delle policy, a cui si aggiunge una più semplice gestione delle repliche di dominio per garantire maggiore scalabilità e flessibilità rispetto ai sistemi precedenti”. conclude Monica Andretta. “Ed oltre ai vantaggi derivati dai tempi di supporto sistemistico ed evolutivo ridotti al minimo, la nuova infrastruttura di domini realizzata su Microsoft Windows Server non crea alcuna preoccupazione nei confronti dei prossimi piani di integrazione con la nostra organizzazione internazionale”.
Il processo di migrazione attuato da Vimar prosegue oggi con il trasferimento progressivo di tutte le funzioni applicative sulla piattaforma Microsoft Windows Server 2003 e con l’evoluzione delle funzioni firewall conseguente all’imminente aggiornamento di Microsoft ISA Server. Oltre ai citati vantaggi per la produttività degli utenti mobili, la flessibilità di sviluppo evolutivo e di replica dei sistemi su diverse collocazioni geografiche permette a Vimar di estendere il proprio mercato in Italia e all’estero, evitando di aggiungere complessità alla piattaforma informativa.


Il cliente

I partner

Case History in breve