Governare l’autonomia, la sfida del sistema scolastico trentino

Data di pubblicazione: 2007

Le esigenzeTop

Autonomia e flessibilità, per una gestione efficiente e innovativa
La Provincia Autonoma di Trento si è posta l’obiettivo di costruire un sistema informativo integrato che garantisca la completa autonomia gestionale alle scuole e allo stesso tempo permetta all’Ente di disporre dei dati e delle funzioni necessarie per una significativa opera di regia complessiva. “Le esigenze principali”, spiega Paolo A. Renna, Dirigente del servizio per lo sviluppo e l’innovazione del sistema scolastico e formativo, “riguardano la possibilità di avere un quadro quantitativo reale degli alunni e del personale che opera nelle scuole un sistema efficiente di comunicazione integrata con le famiglie e di disporre di tutti i dati necessari per pianificare gli incarichi del corpo docente . Inoltre il nostro obiettivo è quello di avere sistemi di gestione a supporto delle attività didattiche e di segreteria basati su strumenti che garantiscano l’autonomia scolastica sancita dalla Riforma del Titolo V della Costituzione”.
Aggiunge Daniela Ceccato, funzionario del Servizio per lo sviluppo e l’innovazione del sistema scolastico e formativo: “Presso questi istituti esistono già soluzioni e applicazioni che operano a livello locale. La nostra sfida è di migliorare le soluzioni utilizzate dalle scuole, mantenere l’autonomia, la flessibilità e l’operatività degli strumenti attualmente in uso, garantendo i necessari elementi di integrazione con tutte le componenti del sistema informativo e la raccolta dei dati a livello centrale in maniera coordinata”.

La soluzioneTop

Un’infrastruttura avanzata per la gestione dell’identità
Informatica Trentina è partner e centro servizi della Provincia di Trento. La soluzione sviluppata – con il supporto della divisione Servizi di Microsoft - integra un’architettura di nuova generazione e una tecnologia semplice, leggera ed efficace: gli smart client. Il progetto SGA è stato disegnato secondo il modello dell’architettura orientata ai servizi (Service Oriented Architecture - SOA) che implementa le più moderne tecnologie standard (XML, SOAP, Web Services ecc.) per l’interoperabilità, largamente supportate dai maggiori vendor mondiali. Questa scelta consente al sistema informativo un elevato livello di flessibilità ed estendibilità. Inoltre il modello orientato ai servizi, porta valore aggiunto nel contesto delle soluzioni per la PA consentendo una moderna e innovativa applicazione del principio di “informatica distribuita” e del riuso delle componenti già sviluppate dagli Enti e dagli Istituti scolastici nel passato. La tecnologia Microsoft adottata per il supporto all’architettura SOA fa capo al nuovo framework .NET 3.0, uno strumento pensato e creato esclusivamente per architetture orientate ai servizi. L’infrastruttura si basa su Windows Server 2003 e Internet Information Services. La gestione delle diverse credenziali per l’accesso al Sistema Gestione Alunni, invece, avviene grazie ad Active Directory. L'identità dell'utente, una volta autenticata, è trasportata e verificata in modo trasparente dall'infrastruttura di sicurezza, garantendo riservatezza e integrità delle informazioni. L’orchestrazione della chiamata ed elaborazione dei diversi servizi sfrutta le potenzialità di BizTalk Server 2006. La scelta di adottare Open XML potrà migliorare l’integrazione di informazioni provenienti da fonti differenti e la relativa rappresentazione in forma intuitiva: tutto questo grazie ad un formato che, in quanto aperto e quindi liberamente implementabile da chiunque, indirizza le necessità di robustezza e flessibilità della Provincia Autonoma di Trento, garantendo l’interoperabilità con il parco documenti attualmente esistente all’interno ed all’esterno della struttura scolastica, ma anche abilitando scenari futuri di integrazione con ulteriori soluzioni software che ad essa avranno bisogno di connettersi.

I beneficiTop

Dati aggregati e normalizzati, manutenzione centralizzata e semplificataI vantaggi apportati dal nuovo SGA sono molteplici. Il primo e più importante è la possibilità di raccogliere i dati relativi alla popolazione scolastica, provenienti da 100 istituti, in maniera omogenea e rapida. Questo favorisce un risparmio di tempo nei conteggi e la disponibilità di valori aggregati per la pianificazione delle attività del Dipartimento Istruzione. L’Ente ha modo di programmare meglio le politiche di formazione e di Welfare, prevenire o rispondere al problema della dispersione scolastica, fornire informazioni a terzi. La SOA consente, inoltre, l’integrazione con differenti sistemi e valorizza gli investimenti fatti in passato. Dal punto di vista funzionale un’architettura di questo tipo agevola la manutenzione e migliora la sicurezza, poiché il rilascio degli aggiornamenti relativi alle applicazioni impiegate nelle scuole avviene da remoto, consentendo un abbassamento dei costi di assistenza. “Un secondo grande beneficio per le scuole è la riduzione del numero di modelli (template) dei documenti utilizzati da segreterie e docenti docenti; a ciò si aggiunge la possibilità di sfruttare le funzionalità di rete e la capacità di calcolo del centro servizi di Informatica Trentina per l’elaborazione delle stampe di pagelle, orari, comunicazioni ecc.”, aggiunge Sergio Cagol, responsabile dell’area progettazione di Informatica Trentina. L’interoperabilità alla base della soluzione apre, infine, numerosi scenari di integrazione verso nuovi servizi, primo fra i quali il collegamento al portale Internet “Vivoscuola”, il sistema di Anagrafe Centralizzata “SAA”, e il sistema di gestione dei docenti già sviluppato e denominato “S1P”.


Case History in breve

Documenti scaricabili