Windows Vista piace a studenti e professori

Data di pubblicazione: 2007

Le esigenzeTop

Un polo didattico ad alta eccellenza tecnologica
Il valore di un’istituzione scolastica non si risolve soltanto nella sua capacità di rispondere alle esigenze formative degli studenti, ma anche nell’abilità di capitalizzare le risorse didattiche per offrire al territorio proposte e iniziative finalizzate alla crescita culturale e professionale degli studenti. È questo il caso dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “Enrico Mattei”, nato come sezione staccata dell’Istituto Feltrinelli di Milano e poi dell’ITIS di Lodi a San Donato Milanese, diventato autonomo dall’anno scolastico 1979/80. Oltre alla tradizionale attività scolastica consideriamo strategico coniugare problematiche e mission educative con i più significativi trend tecnologici”, spiega Giacomo Paiano, Dirigente Scolastico dell’Istituto. “Questo per sviluppare una collaborazione con gli Enti territoriali e le aziende, per un’attività che si concretizza nell’elaborazione di progetti e che oggi contribuisce a fare del nostro istituto un polo ad alta specializzazione”.
Non è un caso, dunque, che l’ITIS Mattei risulti uno dei due poli didattici coinvolti nel progetto TAP (Technology Adoption Program). Il programma prevede che una serie di organizzazioni eseguano al proprio interno un’attività di test del nuovo sistema operativo Windows Vista.

La soluzioneTop

Windows Vista offre continuità operativa e un’interfaccia più facile e accattivante
Il programma ha preso il via nell’aprile del 2006, quando l’Istituto ha avuto accesso alla sezione del portale Microsoft dedicata all’erogazione della documentazione e degli strumenti software di Windows Vista. Il nuovo sistema operativo è stato introdotto a cavallo di due anni scolastici, in tre ambienti di test: un’aula di servizio ai docenti e due laboratori informatici dove lavorano gli studenti. I responsabili del progetto, insieme al partner tecnologico Sunflower Communication, Research and Technology, come prima sperimentazione hanno scelto un’aula normalmente utilizzata a rotazione da tutto il corpo insegnante per la preparazione delle documentazioni di verifica nonché per attività di aggiornamento on line. In questo modo i docenti, il cui organico è composto da un totale di 100 professori, hanno scoperto il nuovo sistema Windows Vista installato su una delle postazioni. La sperimentazione è stata poi estesa ai due laboratori di informatica, utilizzati dagli studenti per lo sviluppo di programmi e applicazioni. Accanto a dieci personal computer su cui è installato Windows XP, è stato affiancato a sorpresa un sistema Windows Vista. I responsabili del progetto hanno rilevato una netta preferenza da parte degli studenti nei confronti dell’interfaccia di Windows Vista.

I beneficiTop

Grande facilità di utilizzo e nuove modalità di navigazione
“Windows Vista dimostra una grande capacità d‘integrazione”, racconta Andrea Ardenghi, responsabile sistemi di sicurezza, reti e wireless. “La nostra è un’infrastruttura articolata, costituita da una pluralità di macchine. Tra le varie prove, abbiamo messo a punto un’attività di roaming veicolata su Windows Vista: abbiamo voluto testare e verificare la compatibilità con i profili utente creati con Windows XP e tutto è andato bene perché abbiamo potuto utilizzare le identità già sviluppate per gli studenti”.

Prestazioni e salvaguardia degli investimenti
Uno degli aspetti che merita una particolare segnalazione è un test sviluppato su una macchina non più recente. “Abbiamo installato Windows Vista su una macchina tecnologicamente obsoleta, con caratteristiche prestazionali medio-basse e con solo 256 Mega di Ram”, conclude Ruggiero Maffione, assistente tecnico di laboratorio dell’Istituto. “In pratica, abbiamo stressato Windows Vista incuriositi su quali sarebbero state le sue performance su macchine sottodimensionate e siamo rimasti molto colpiti dal fatto che tutto ha funzionato perfettamente, con prestazioni davvero ottime anche ben al di sotto della quantità minima di memoria ram consigliata”.


Case History in breve

  • Dimensione azienda: Piccola Impresa
  • Settore industriale: Education
  • Scenari:
    • Technology Adoption Program
  • Esigenze di Business:
    • Aggiornamento dei desktop
  • Prodotti:
  • Regione: Lombardia