Strumenti di management per governare la crescita

Data di pubblicazione: 2005

Le esigenzeTop

A seguito di una fusione societaria, oltre 1000 client richiedevano un accurato inventario e una nuova politica di gestione, anche i server necessitavano di un controllo più accurato delle prestazioni. Contemporaneamente, l’estensione dell’infrastruttura di rete e l’aumento delle postazioni di lavoro richiedevano nuovi standard di gestione, controllo disponibilità e sicurezza, protezione ed affidabilità del firewall di pubblicazione dei servizi su internet. L’integrazione dei sistemi di due società era considerato uno dei punti critici in termini di gestione dei sistemi e di omogeneità dei servizi applicativi.
“In passato, nell’evoluzione dal mainframe ai sistemi distribuiti, abbiamo affrontato un aumento dei costi di gestione e l’offerta di mercato in termini di sviluppo applicativo e gestione centralizzata risultava sia da prodotti costosi e complessi, sia da proposte che spesso si rivelavano non integrate e senza attenzione per le promesse di contenimento dei costi”, afferma Giacomo Maino, dirigente dell’area sistemi informativi. “Ulteriore limite di questi sistemi riguarda inoltre l’integrazione degli applicativi, che spesso vengono sviluppati senza una metodologia in grado di guidare l’evoluzione dei servizi. La nostra scelta tecnologica è andata in un’altra direzione, individuando anzitutto tecnologie e partner di riferimento capaci di garantire solidità, bassi costi di esercizio e continuità del supporto tecnico. Questi fattori risultavano fondamentali nel momento in cui abbiamo affrontato l’integrazione fra i sistemi di due società diverse”.

La soluzioneTop

Intervenire rapidamente su un’infrastruttura distribuita e in esercizio continuativo
Cluster Reply, partner tecnologico scelto per lo sviluppo della soluzione, ha proposto a Gruppo Torinese Trasporti un progetto di evoluzione degli strumenti di gestione operativa e delle logiche di protezione attiva e passiva, inquadrando gli interventi all’interno di un percorso coerente e di un’efficace metodologia di implementazione. L’esigenza di una soluzione per la gestione distribuita del parco client, l’inventario e il patch management è stata affrontata con le soluzioni Microsoft di Systems ed Operation Management (SMS 2003 e MOM 2005); già nella fase pilota i nuovi strumenti di gestione Microsoft hanno dimostrato di essere una soluzione completa e automatizzata per l’amministrazione dell’infrastruttura applicativa.
MOM 2005 è stato installato in produzione per effettuare il monitoraggio dei Domain Controller, dei firewall, del sistema di messaggistica su Microsoft Exchange 2003, dell’ERP SAP, del backup server e dell’ambiente thin client. La soluzione Microsoft ha consentito a Cluster Reply di progettare un sistema totalmente centralizzato per il controllo remoto dei livelli di servizio, la correlazione degli eventi, la risoluzione dei problemi e l’application restart come reazione a precisi alert di sistema, garantendo la possibilità di replicare le consolle di gestione sulle sedi periferiche e offrendo la possibilità di un controllo puntuale per i diversi gruppi di lavoro e per le numerose applicazioni utilizzate 24 ore al giorno nell’ambito del trasporto pubblico.
“La soluzione di controllo e gestione definita da Cluster Reply su tecnologia Microsoft ci ha immediatamente consentito di erogare un servizio di supporto sistemistico automatizzato e di alta qualità”, dichiara Giacomo Maino. “Ciò costituisce già un elemento di valore, sia rispetto a procedure manuali che generavano costi diretti e indiretti, sia nei confronti di altre tecnologie o di operatori in outsourcing che avrebbero imposto tempi più lunghi e maggiore impegno di risorse. I risultati positivi emersi in produzione grazie all’utilizzo di MOM 2005 ed in fase di test grazie a Systems Management Server 2003 (SMS 2003) ci hanno convinti della reale opportunità costituita dall’attivazione di una serie di progetti per estendere progressivamente l’utilizzo di questi strumenti all’intera infrastruttura di gruppo”.
I livelli di protezione della pubblicazione dei servizi all’esterno e della stabilità sono stati innalzati con l’aggiornamento all’ultima versione di Microsoft ISA Server (Isa Server 2004), che si è dimostrato fin da subito un firewall solido, di semplice gestibilità e personalizzato per il supporto sui diversi livelli dell’ambiente applicativo e di rete, con particolare riguardo alla protezione del sistema di messaggistica, grazie all’integrazione con Microsoft Exchange 2003.

I beneficiTop

Nuovi standard di sicurezza, disponibilità e gestibilità dell’infrastruttura
L’affidabilità e la chiarezza dei dati rilevati attraverso le soluzioni introdotte supporteranno la definizione delle strategie di investimento e sviluppo tecnologico, contribuendo al consolidamento di una coerente cultura dell’innovazione.
“L’utilizzo dei nuovi strumenti di controllo e gestione ci permette di contenere i costi di esercizio e soprattutto ci offre la possibilità di analizzare i dati in modo proattivo”, sottolinea Maino. “In una fase in cui la valutazione dei ritorni sugli investimenti è orientata prevalentemente sul breve termine siamo in grado sia di perseguire esattamente il Total Cost of Ownership per ciascuna piattaforma applicativa, sia di proporre investimenti tecnologici sulla base di metodologie di analisi puntuali e attendibili sullo stato dei nostri sistemi. La piattaforma Microsoft, integrata con i propri strumenti di gestione, sta effettivamente dimostrando la possibilità di ridurre i costi di mantenimento grazie alla semplicità e all’automatismo delle procedure di monitoraggio e intervento sui sistemi”.
Gruppo Torinese Trasporti è riuscito in passato a gestire il raddoppio delle postazioni di lavoro dovuta alla fusione, mantenendo costante il numero delle persone dedicate al supporto. Al termine del processo di rinnovamento, l’infrastruttura risponderà pienamente alle crescenti necessità di gestione su rete geografica, scalando le architetture applicative e ripartendo le funzionalità su sistemi distribuiti ma integrati con il server centrale. In ultimo, l’integrazione fra i prodotti Microsoft di gestione potrebbe garantire standard qualitativi elevati.


I partner

Case History in breve