Banca Popolare di Sondrio, la comunicazione e la collaborazione senza confini con Microsoft

Data di pubblicazione: 2012

Le esigenze - Introdurre, attraverso l’aggiornamento della tecnologia grazie la tecnologia, una più moderna ed efficace collaborazione e comunicazione tra i dipendenti Top

290 filiali, 168 mila soci: dal 1871 la Banca Popolare di Sondrio è una realtà bancaria, ispirata ai principi del credito cooperativo, ben radicata nel suo territorio. Attenta a soddisfare soci e clienti e a essere interlocutore affidabile per il mercato, la Banca ha intrapreso nel 2009 un progetto di rinnovamento dei sistemi informativi, partendo dall’aggiornamento di Active Directory e del parco desktop installato (3.600 postazioni di lavoro tra filiali e sedi), diventato ormai obsoleto. Un processo di innovazione obbligato: il sistema di posta in uso, negli anni aveva dimostrato il proprio limite, garantendo solo un numero ristretto di funzionalità agli utenti, spiega Piergiorgio Spagnolatti, referente del settore Server Farm e Sistema Distribuito di Banca Popolare di Sondrio: “Nuove e più moderne forme di comunicazione e interazione tra gli utenti. Con i sistemi in uso prima dell’aggiornamento tecnologico non era possibile ipotizzare processi in ottica di maggiore collaborazione. Questi limiti, uniti al desiderio di fornire sia all’area IT sia agli utenti strumenti più funzionali, ci hanno spinto a passare al nuovo sistema operativo Windows 7 e ad adottare soluzioni di Unified Communications e strumenti di collaborazione, tutti afferenti al mondo Microsoft: Office, Exchange, Lync”.

La soluzione - Da Microsoft la nuova piattaforma di collaboratione aziendaleTop

A metà del 2011 viene avviata la realizzazione dell’infrastruttura per il sistema di posta e Unified Communication.
Nell’autunno del 2011 prende il via la fase pilota, che coinvolge circa 200 utenti, divisi tra sede e filiali campione. Nel 2012 è previsto il roll out massivo di tutta la banca per tutte le nuove soluzioni.
Per quanto riguarda l’infrastruttura IT, i responsabili apprezzano particolarmente le evoluzioni tecniche di Lync ed Exchange, prodotti che si rivelano snelli, flessibili nell’integrazione con altri sistemi di Unified Communications di terze parti. Per quanto riguarda l’ambito operazionale, la Banca Popolare di Sondrio ha fatto in modo di realizzare un’infrastruttura che permettesse di automatizzare e minimizzare gli interventi del supporto tecnico, così da spostare sull’utente il compito di personalizzare eventualmente l’uso delle soluzioni. Il partner dell'Istituto nel progetto, Gruppo Reti, si è rivelato di estrema importanza nella realizzazione dell’infrastruttura.
I primi feedback da parte degli utenti “pilota” parlano di sensazioni positive in merito a Lync e alle sue potenzialità (messaggistica istantanea, uso della funzione di verifica della presence, ecc.) e di nuovi scenari di maggiore collaborazione forniti dal sistema di posta elettronica e dalle sue numerose funzionalità (calendario, agenda condivisa, ecc.).

I benefici - La comunicazione via Computer migliora la relazione e l’iterazione in aziendaTop

Gli strumenti di Unified Communications e Collaboration introdotti progressivamente presso la Banca Popolare di Sondrio hanno modificato il cuore della relazione tra gli utenti, nonché il loro modo di lavorare. Spiega Angelo Panizza, Responsabile Telecomunicazioni, Server Farm e sistemi distribuiti: “Abbiamo notato una diminuzione dell’uso del telefono, grazie alla messaggistica istantanea, mentre la videocomunicazione permette una comunicazione più efficace: ci si vede in volto e si possono anche condividere documenti tra le filiali, migliorando il processo di business.”.
“L’impatto è stato positivo”, prosegue Piergiorgio Spagnolatti “anche per quanto riguarda la coerenza che è stata aggiunta all’informazione comunicata, a tutti i livelli. Mentre prima i messaggi che passavano attraverso e-mail e telefono erano slegati, oggi tutto è coordinato, grazie anche alla funzionalità di ”presence”. La coerenza introdotta dalle soluzioni Microsoft nei flussi di comunicazione all’interno della Banca rende il tutto più efficace”.
I ritorni sono immediati in termini di efficienza, ma le potenzialità delle nuove soluzioni sono ancora da scoprire appieno. Spiega Panizza: “Ipotizziamo di poter ottimizzare le interazioni, per esempio, di Lync con applicazioni in uso in banca come l’help desk. Vantaggi, dunque, specifici e verticali”.
Lo sguardo, per il futuro, si allarga ancora per esempio all’ambito dei workflow autorizzativi; a un miglior dialogo con la clientela; a un rapporto più stretto con le altre aziende del gruppo ed eventualmente anche con partner esterni al gruppo bancario.


Il cliente

"“La Banca è di per sé fatta di relazioni. Più canali – grazie agli strumenti di comunicazione e collaborazione – si aprono, più il cliente è raggiunto e sollecitato a instaurare un rapporto proficuo con noi. Le soluzioni Microsoft ci hanno permesso di compiere importanti passi avanti da questo punto di vista”."

Angelo Panizza, Responsabile Telecomunicazioni, Server Farm e sistemi distribuiti

I partner

Case History in breve

  • Dimensione azienda: Grande Azienda
  • Settore industriale: Servizi finanziari
  • Scenari:
    • Collaboration & Social Enterprise
    • Unified Communications
  • Esigenze di Business:
    • Efficienza e produttività
  • Vantaggi: Installazione di Windows 7 e Active Directory, realizzazione dell’infrastruttura per Exchange e Lync, prima fase di test su 200 utenti di sede e filiali, roll out massivo di tutte le filiali nel 2012
  • Risparmio: Abbattimento dell’uso del telefono, ora la comunicazione è via computer Comunicazione integrata tra messaggistica istantanea, videoconferenza, e-mail Ottimizzazione dei contatti grazie alla funzionalità di “presenza”
  • Prodotti:
  • Regione: Lombardia