Impresa sociale e nuovi modelli gestionali: il caso di San Patrignano

Data di pubblicazione: 2007

Le esigenzeTop

Ridefinire processi e flussi di comunicazione interna e raccolta dati per arrivare a una gestione integrata di tutte attività della comunità e dei servizi offerti ai ragazzi ospiti
San Patrignano accoglie giovani con problemi di droga, senza discriminazioni ideologiche, sociali, religiose ed in modo completamente gratuito, senza contributi economici degli interessati, dei loro familiari e dello Stato.
Dal ‘78 ad oggi ha ospitato oltre 20.000 persone. Attualmente accoglie 1800 ragazzi. La sua organizzazione è composto da 140 operatori volontari, cui si aggiungono 350 tra dipendenti, collaboratori e consulenti.
La presenza dei sistemi informativi a San Patrignano è sempre cresciuta nel tempo, ma il gestionale restava l’aspetto più debole e datato. Realizzato in linguaggio di quarta generazione, in ambiente Unix, risaliva ai primi anni ’90 e non era presente un database relazionale. Nel 2004, la struttura IT di San Patrignano si è mossa sul mercato per identificare un nuovo fornitore e un prodotto gestionale in grado di documentare in maniera proattiva le sue procedure. La software selection, di tipo informale, è durata più di un anno e dopo valutazioni, che hanno coinvolto 10 fornitori, San Patrignano ha scelto di affidarsi a Microsoft Dynamics NAV, per l’affidabilità del brand, dei servizi di sostegno al cliente e per la possibilità di creare un sistema disegnato sulle caratteristiche della comunità.

La soluzioneTop

Creare un ambiente di lavoro di alta efficienza con Microsoft Dynamics NAV.
Microsoft Dynamics NAV ha consentito alla Comunità di usufruire di nuove funzionalità per gestire tutte le attività, in particolare contabilità generale, ciclo attivo e passivo, logistica, produzione e gestione delle relazioni con l’esterno (legato all’attività di fund raising).
Rispetto all’applicativo in uso precedentemente, Microsoft Dynamics NAV ha permesso l’integrazione del modulo relativo al CRM. “L’implementazione della soluzione è iniziata a settembre 2005, proprio dal segmento CRM, per il quale vi erano esigenze concrete di start up. L’intero sistema è diventato poi operativo a novembre 2006. Fondamentale, in questo periodo, è stato l’apporto di Gruppo Sistema, Microsoft Gold Certified Partner”, spiega l’IT Manager della comunità, Nicola Cecchi. La soluzione rappresenta un modo affidabile di immagazzinare i dati, grazie a Microsoft SQL Server, il database nativo di Microsoft Dynamics NAV . Il sistema di sicurezza non soltanto controlla chi accede e a quali dati, ma assicura anche che non vi siano mai incoerenze. In pratica, la Comunità gestisce oggi i processi in modo integrato direttamente sul sistema ERP centrale, ottenendo informazioni condivise e nativamente integrate tra loro.

I beneficiTop

Un Erp snello, che ottimizza la gestione delle informazioni
L’intero progetto di implementazione di Microsoft Dynamics NAV, e della concomitante riorganizzazione interna, ha avuto come risultato un forte miglioramento in termini di efficienza gestionale. Oggi le persone hanno più tempo e si possono concentrare su attività che prima trascuravano.
Tre i punti di forza evidenziati dall’IT Manager, per quanto riguarda la soluzione ERP targata Microsoft: “La facilità d’uso, che consente agli utenti di trovarsi di fronte a un ambiente familiare e semplice; l’apertura di Microsoft Dynamics NAV a nuove soluzioni, che in futuro il mercato proporrà; la garanzia di un fornitore solido ed attento”.

La relazione con il partner Gruppo Sistema
Anche nella scelta del partner di Microsoft, San Patrignano ha applicato criteri di ricerca orientati ad efficienza e affidabilità, come spiega l’IT Manager: “Il Gruppo Sistema oltre a possedere il placet di Microsoft, e una totale garanzia di affidabilità, è stato scelto, soprattutto, per le caratteristiche che ha messo in campo. Si è infatti dimostrato un partner calato sul concreto, sull’attività operativa. Sapevamo che avremmo avuto problemi con la fase più strettamente legata al change management. E il partner è stato in grado di supportarci nei momenti di impasse”.


Case History in breve