ABB: efficienza, controllo, governance.

Data di pubblicazione: 2008

Le esigenzeTop

Migliorare il monitoring della Infrastruttura IS
ABB è un’azienda che ha nei Sistemi Informativi il supporto primario per il business quotidiano. Deve mantenere in piena efficienza i propri processi informativi, accedendo velocemente agli aggiornamenti e dotandosi di strumenti che massimizzino le performance e allo stesso tempo liberino i professionisti dell’IT dalle incombenze routinarie.
Nel 2007 ABB ha dato vita a un processo di upgrade sulle soluzioni Microsoft Systems Management Server 2003 – con l’upgrade alla SP3 di SMS 2003 – e Microsoft Operations Manager 2005. L’obiettivo era dotare l’azienda di una soluzione che rendesse più efficiente il monitoring dei sistemi e, allo stesso tempo, consentisse una maggiore affidabilità dei livelli di servizio.
Oggi i sistemi informativi di ABB possono contare sul nuovo software Microsoft System Center Operations Manager 2007, soluzione che fornisce un ambiente semplice da utilizzare per tenere traccia di migliaia di eventi legati all’operatività e alle prestazioni di applicazioni e sistemi operativi.
L’upgrade di Microsoft Operations Manager 2005 è avvenuto nel giugno 2007, e a seguire, in autunno, l’azienda si è dedicata all’aggiornamento di Microsoft Systems Management Server. Entrambi gli aggiornamenti sono stati pensati anche per predisporre l’infrastruttura alla prevista implementazione di Windows Vista e Microsoft Office 2007.

La soluzioneTop

Compliancy e security dei server verificata, patch gestite senza difficoltà
In ABB, Microsoft Operations Manager ha il compito di controllare il funzionamento di 220 macchine (su 300), poste in 40 sedi diverse: “E di fornire informazioni sul loro stato di funzionamento, gestione, operatività, recupero dei guasti“, spiega Guido Tormene, Country IS Infrastructure Manager. “Questo consente ad ABB di lavorare con più tranquillità e di evitare sgradevoli ed, economicamente rilevanti, fermi macchina”.
La scelta di migrare a Microsoft System Center Operations Manager 2007 è stata dettata da una serie di funzionalità offerte dalla soluzione, come spiega Tormene “Oltre a poter verificare l’operatività dei server, e avere un miglior controllo qualità sul lavoro delle persone operative sulle macchine, Microsoft System Center Operations Manager 2007 riveste un ruolo importante nella gestione della security dei server e nella verifica dei parametri stabiliti da ABB. A questo proposito, va ricordato il progetto di personalizzazione e configurazione che è stato studiato da Microsoft e ABB in collaborazione con il Partner Microsys. Si tratta di un pacchetto ad hoc che, sullo status di funzionamento delle macchine, fornisce in tempo reale report relativi a parametri stabiliti precedentemente, in relazione alle richieste di ABB e ai tre livelli di compliance stabiliti”.
Da ultimo, Microsoft System Center Operations Manager 2007 offre ad ABB un migliore supporto nella gestione delle patch.

I beneficiTop

Focalizzati sui processi core, con una percezione di efficienza diffusa
“Oggi in ABB siamo certi di avere un migliore controllo dei processi”, spiega Guido Tormene. “E la migliore qualità che si ritrova nella gestione dei processi è dovuta non più solo alla professionalità degli operatori, ma in prima battuta alle soluzioni che sono state implementate. Le persone possiedono strumenti in più – e più efficaci – per verificare il lavoro che stanno svolgendo. In questo modo tutti i livelli di responsabilità sono tutelati e messi nelle condizioni di lavorare al meglio”.
Questo nuovo processo di verifica e controllo della Infrastruttura IS ha migliorato anche la qualità del lavoro delle persone che fanno riferimento alla struttura IS Infrastructure di ABB: 50 persone interne e 20 esterne. “Oggi i responsabili delle diverse aree geografiche possono guardare alla gestione del servizio che hanno in carico con maggiore tranquillità. Un progetto di ottimizzazione dei processi siffatto come quello che abbiamo realizzato ha aumentato l’efficienza percepita e consente all’azienda di avere il pieno controllo del funzionamento delle strumentazioni che possiede, anche se distribuite sul territorio”, conclude Tormene. “Dalla tecnologia pura all’organizzazione dei processi, questo progetto, che silenziosamente ha coinvolto ogni aspetto dei sistemi informativi, ha consegnato agli utenti macchine più efficienti, dunque li ha messi in condizione di essere ’naturalmente‘ più produttivi”.


Il cliente

I partner

Case History in breve

Documenti scaricabili