Ridurre il “downtime” dei servizi informatici per aumentare la produttività quotidiana

Data di pubblicazione: 2012

Le esigenzeTop

L’esigenza del progetto richiedeva di rinnovare l’infrastruttura di Medri verso una struttura di networking tecnologicamente più moderna, sicura ed avanzata in grado di adattarsi ai bisogni aziendali ed in grado di espandersi con la sua crescita. Approfittando della necessità di aggiornare l’intero parco server che ha subito un inevitabile invecchiamento tecnologico e non più in grado di garantire l’affidabilità richiesta, si è deciso di aggiornare tutti i sistemi attualmente presenti a Windows Server 2008 R2, assicurando, contemporaneamente, una maggior affidabilità, sicurezza e disponibilità dei servizi attraverso l’adozione di un ambiente di virtualizzazione basato su Microsoft Hyper-V di Windows Server 2008 R2 in grado di eliminare l’indisponibilità dei servizi dovuta a rotture hardware.

La soluzioneTop

La soluzione ha previsto l’implementazione di Domain Controller basati su Microsoft Windows Server 2008 R2 in maniera da garantire ridondanza dei principali servizi di rete (autenticazione, DNS, WINS) e tolleranza agli errori nel caso in cui un controller di dominio presenti un malfunzionamento o non sia disponibile per qualche motivo. L’infrastruttura, in larga misura virtualizzata, utilizza server che garantiscono i principali servizi di rete come WINS, DNS e DHCP oltre al servizio di File Server e Printer Server. Ulteriori server virtuali sono utilizzati per erogare il programma di Business Intelligence e per il servizio di posta aziendale basato su Microsoft Exchange Server 2010. Oltre a questi server virtuali è presente anche un ulteriore server fisico che funge da database server sul quale è installato Microsoft SQL Server 2008 R2 che contiene i dati del programma gestionale basato su Microsoft Dynamics NAV 2009. Su tale server è installata anche la console di gestione del sistema di backup che utilizza una tape library ad 8 slot LTO4 collegata direttamente al server per il backup dell’intera infrastruttura, compresi i server virtuali, il cui backup viene eseguito ‘a caldo’.

I beneficiTop

L’adozione di un’infrastruttura virtuale basata su tecnologie Microsoft ha portato a notevoli benefici in termini di performance, affidabilità, stabilità, continuità di lavoro e protezione della rete e delle risorse aziendali. I principali risultati ottenuti sono stati:

- riduzione al minimo dei tempi di mancato servizio
- elevata protezione dei dati aziendali
- possibilità di esportare le macchine virtuali dall’host Hyper-V ed importarle su qualsiasi altro server Hyper-V
- possibilità di eseguire il backup a caldo delle macchine virtuali, senza creare disservizi per l’intera infrastruttura durante la copia
- elevata flessibilità nel testare ed erogare nuovi servizi
- possibilità di accedere alla posta aziendali anche da postazioni remote, pur garantendo sicurezza nel collegamento


Il cliente

"Il principale beneficio consiste nella notevole riduzione dei tempi di risposta dei sistemi che ci hanno permesso di aumentare la produttività quotidiana. Una piacevole sorpresa è stata la possibilità di accedere alla posta elettronica da qualsiasi computer esterno all’azienda mediante OWA garantendo sicurezza nella connessione"

Paolo Manuzzi, Controller di Medri

Case History in breve

  • Dimensione azienda: Media Azienda
  • Settore industriale: Commercio e Distribuzione
  • Scenari:
    • Virtualizzazione
  • Esigenze di Business:
    • Efficienza e produttività
  • Vantaggi: I vantaggi maggiori si riscontrano nella riduzione al minimo del “downtime” dei servizi informatici e nella conseguente affidabilità e disponibilità dei servizi, nella protezione dei dati aziendali e nella flessibilità con cui possono essere testati e resi disponibili nuovi servizi.
  • Prodotti:
  • Regione: Emilia-Romagna