Servizi al cittadino e sinergia tra gli Enti locali grazie al portale

Data di pubblicazione: 2007

Le esigenzeTop

Unità e sinergia tra Enti e Comuni
Il Portale Territoriale della Provincia di Macerata www.provincia.mc.it riunisce in un unico sistema integrato 57 Comuni, 4 Comunità montane e l’Ente provinciale, fornendo via Web servizi informativi relativi a ciascuna realtà amministrativa locale e garantendo al contempo una forte unità e sinergia tra le parti. Nella più recente classifica del Censis dedicata ai migliori portali Internet della Pubblica Amministrazione, il SINP (Sistema Informativo Provinciale) ha guadagnato la sesta posizione in Italia tra i servizi online creati dalle Province. Il portale è infatti un buon esempio di struttura centralizzata, gestita oggi dalla società TASK Srl, il Centro Servizi provinciale, ma lascia ampia libertà alle singole realtà territoriali di pubblicare informazioni e novità in piena autonomia.
Il sistema di publishing del portale si basa oggi sulla piattaforma Microsoft Content Management Server personalizzata attraverso lo sviluppo di una soluzione ad hoc, realizzata dalla collaborazione tra il partner BIT PCSNET e TASK. Il meccanismo consente alla società TASK di amministrare in maniera diretta la piattaforma, gestendo i domini, l’archiviazione, l’interfaccia generale comune a tutti gli Enti e l’aggiornamento dei contenuti più complessi. Gli operatori locali possono inserire in maniera autonoma le informazioni relative al proprio territorio: bandi, gare, appalti, concorsi, eventi, delibere, comunicati stampa, progetti speciali ecc.. Quando le notizie riguardano la Provincia gli aggiornamenti locali confluiscono in maniera automatica anche nel Portale provinciale.

La soluzioneTop

Un portale al servizio del cittadino
“In precedenza ciascun Comune aveva un proprio metodo di pubblicazione, l’interfaccia era disomogenea e l’archivio distribuito”, racconta Giovanna Gabrielli, direttore di TASK. “Con il nuovo sistema di content management non soltanto abbiamo uniformato i processi di distribuzione delle informazioni via Web, ma contiamo di rafforzare in maniera molto significativa la cultura dell'integrazione fra Enti e il processo di partecipazione dei cittadini che il portale SINP ha da sempre perseguito”. Dopo l’implementazione del portale, grazie a una rinnovata cultura dell’integrazione, sono infatti partiti alcuni progetti regionali, mai decollati per esempio in altre Regioni. Da parte dei cittadini c’è un riscontro altrettanto positivo, poiché partecipano più assiduamente a sondaggi online e inviano messaggi e suggerimenti all’amministrazione provinciale. “Il SINP è stata un’intuizione felice della Provincia di Macerata che risale a dieci anni fa ed è un progetto che fin dall’inizio è stato valutato molto positivamente. Ora si è dotato di uno strumento che lo renderà ancora più performante e ricco di servizi al cittadino”, precisa Luca Cerquetella, Amministratore Unico di TASK.

I beneficiTop

Abbattere i costi nel rispetto della legge
Da un punto di vista tecnologico il portale risponde alle specifiche richieste dalla Legge Stanca per l’accessibilità. “Grazie alla personalizzazione dell’interfaccia e allo studio puntuale delle componenti utili alla pubblicazione delle pagine Web, denominate ‘placeholder’, abbiamo allineato il servizio alle richieste di accessibilità previste dalla legge”, spiega il Responsabile reparto sviluppo di BIT PCSNET . "Abbiamo puntato diritto verso l’obiettivo di un’ interfaccia accessibile", aggiunge Stefano Ginobili, responsabile tecnico del progetto per Task, la quale, partendo dalla base creata da PCSNET, ha sviluppato l’interfaccia Web creando gli strumenti di ricerca e i controlli per l’output del sito.
Lo sviluppo ha visto un’importante fase di analisi, la riorganizzazione completa dei siti di generazione precedente e l’importazione dei loro contenuti nella nuova struttura. “La soluzione Microsoft ha permesso di rendere l’architettura uniforme, più moderna, gestibile ed estensibile. L’uso del framework .NET 2.0, di Microsoft Visual Studio e del linguaggio C# ha permesso uno sviluppo flessibile e l’impiego diffuso di XML, oltre all’utilizzo di una libreria per l’importazione ragionata all’interno della nuova piattaforma dei vecchi contenuti già strutturati”.
Oltre alle funzioni di pubblicazione online, oggi la piattaforma consente agli Enti locali e al Centro Servizi di gestire anche il processo interno di approvazione dei contenuti e il cosiddetto versioning dei documenti, ovvero la sequenza di revisioni delle informazioni nel tempo. Tutti i dati sono conservati in un unico database centrale, basato su Microsoft SQL Server, che consente un’amministrazione migliore e l’adozione di politiche omogenee per la gestione della sicurezza e della privacy. Sebbene le informazioni siano raggruppate in contenitori distinti per ogni Ente è comunque possibile accedervi in maniera globale, abbassando i costi di manutenzione e di aggiornamento delle funzioni condivise. Molto interessante è anche il sistema di autenticazione per accedere alla pubblicazione, basato su un documento XML che rappresenta l’organigramma e i vari ruoli all’interno di un singolo Ente.
In sintesi, i maggiori vantaggi ottenuti con la soluzione Microsoft riguardano la facilità di gestione dei siti territoriali e del portale provinciale sia da parte di TASK sia degli Enti locali. Il sistema di content management semplifica la creazione e l’aggiornamento delle pagine Web, aumentando la capacità delle amministrazioni di servire il proprio bacino di utenti, di pubblicare informazioni, bandi e notizie, e di incrementare la partecipazione ai processi di e-democracy. Sul fronte tecnologico la presentazione dei contenuti rispetta le normative vigenti in tema di accessibilità (Legge Stanca). Inoltre, l’architettura è pienamente compatibile con siti Web realizzati sulla base di Microsoft .NET Framework 2.0 e garantisce un sistema di autorizzazione per singolo canale informativo in linea con i ruoli interni delineati nei differenti organigrammi delle pubbliche amministrazioni.


Case History in breve