Fai clic qui per installare Silverlight*
ItaliaModifica|Tutti i siti Microsoft
Microsoft
Microsoft SQL Server 

Microsoft SQL Server 2005 Analysis Services

Con SQL Server 2005, per la prima volta Analysis Services consente di ottenere una visione unificata e integrata di tutti i dati aziendali, che possono essere utilizzati come base per le normali attività di reporting, analisi OLAP, scorecard KPI (Key Performance Indicator) e data mining. Con l'introduzione del modello UDM (Unified Dimensional Model), Analysis Services combina la flessibilità e la potenza del tradizionale modello di reporting relazionale con le funzionalità di analisi avanzate e le straordinarie prestazioni del classico modello OLAP. Con il caching attivo e caratteristiche migliorate per la Business Intelligence, Analysis Services entra nel mondo dell'analisi in tempo reale mantenendo prestazioni di classe MOLAP. I miglioramenti apportati alle funzionalità enterprise in termini di scalabilità, gestibilità e produttività rendono Analysis Services un componente centrale per le infrastrutture di Business Intelligence. Grazie alla stretta integrazione con SQL Server 2005 Reporting Services e con Microsoft Office, Analysis Services 2005 permette di estendere la Business Intelligence a tutte le attività aziendali.

*
In questa pagina
Modello UDM (Unified Dimensional Model)Modello UDM (Unified Dimensional Model)
Caching attivoCaching attivo
Business Intelligence avanzataBusiness Intelligence avanzata
Funzionalità enterpriseFunzionalità enterprise

Modello UDM (Unified Dimensional Model)

Grazie alla possibilità di combinare i principali vantaggi dell'analisi OLAP e del reporting relazionale, Analysis Services 2005 offre un modello di metadati in grado di soddisfare entrambi i tipi di esigenze. Un insieme di cubi e dimensioni definito in Analysis Services 2005 è detto modello UDM (Unified Dimensional Model). Il modello UDM è il repository di metadati centrale in cui sono definite le entità business, le regole business, i calcoli e le metriche da utilizzare come origine in tutti i report, i fogli di calcolo, i visualizzatori OLAP, gli indicatori KPI e le applicazioni di analisi.

Tramite le nuove, potenti viste origine dati è possibile mappare il modello UDM a numerose origini dati di back-end eterogenee, permettendo agli utenti di ottenere una visione completa e integrata delle attività di business, indipendentemente dalla posizione dei dati.

Grazie alle descrizioni intuitive delle entità, alle gerarchie di esplorazione, alle prospettive multiple e alla traduzione automatica nella propria lingua, tutti gli utenti possono esplorare i dati aziendali con estrema facilità.

Caching attivo

Il caching attivo consente di unire aggiornamenti in tempo reale e prestazioni di classe MOLAP. Analysis Services 2005 mantiene una cache dei dati altamente compressa e ottimizzata, che viene aggiornata automaticamente quando variano i dati nei database di origine sottostanti. La cache assicura query ad alte prestazioni e isola i sistemi di origine back-end dal carico delle query di analisi.

Business Intelligence avanzata

Key performance indicator (KPI). Il framework KPI offre un ricco repository centralizzato che definisce metrica e scorecard delle chiavi. Il framework KPI di Analysis Services 2005 consente di creare facilmente balanced scorecard e altri tipi di applicazioni per la gestione delle prestazioni.

Traduzioni. Le traduzioni offrono un meccanismo semplice e centralizzato per archiviare e visualizzare i dati delle analisi nella lingua preferita dagli utenti.

Script MDX. Gli script MDX rappresentano un nuovo metodo per definire membri calcolati, set denominati e formule per il calcolo delle celle.

Procedure guidate per la Business Intelligence. Un set di procedure guidate di facile utilizzo consente anche all'utente meno esperto di modellare alcuni dei problemi di Business Intelligence più complessi.

Misure semi-additive. I nuovi tipi di aggregazione delle misure per la modellazione avanzata dei dati includono "ultimo non vuoto", "ultimo figlio", "primo figlio", "media dei figli" e "tipo di account".

Web service. XML for Analysis (XML/A) è il protocollo nativo basato su standard per la comunicazione con il server Analysis Services. Oggi è possibile creare con facilità nuovi tipi di applicazioni che integrano analisi e operazioni in tempo reale, applicazioni in grado di accedere ai dati indipendentemente dalle piattaforme e dai linguaggi utilizzati.

Con XML/A come protocollo nativo, i client di Analysis Services possono essere configurati in modo da non avere footprint e ogni server è automaticamente un Web service.

È anche disponibile un livello Win32 a basso footprint per la compatibilità con gli strumenti che operano con Analysis Services 2000 su OLE DB per OLAP, ADOMD e ADOMD.Net.

Funzionalità enterprise

Analysis Services 2005 definisce un nuovo standard per i server di Business Intelligence in termini di scalabilità, gestibilità e produttività:

Scalabilità. Analysis Services 2005 è in grado di soddisfare anche le applicazioni più esigenti di analisi e reporting. Grazie alla nuova architettura delle dimensioni di Analysis Services, le applicazioni UDM consentono agli utenti di eseguire avanzate analisi ad hoc in modo intuitivo, utilizzando centinaia di dimensioni e gerarchie. Le gerarchie, semplici o a più livelli, consentono all'utente di esplorare e interrogare con facilità modelli UDM con centinaia di milioni di membri.

La nuova architettura elimina anche le limitazioni per le dimensioni residenti in memoria e il numero di membri figlio per ogni padre. Unendo il protocollo di comunicazione XML/A a una protezione ottimizzata basata sui ruoli, Analysis Services 2005 consente ai modelli UDM di gestire migliaia di utenti, permettendo la creazione di applicazioni enterprise di Business Intelligence basate su architetture client/server o Web/middle tier. Inoltre, con l'elaborazione parallela delle partizioni e delle dimensioni, Analysis Services può gestire più velocemente una maggiore quantità di dati.

Gestibilità. Grazie all'integrazione tra gli strumenti di gestione per il motore relazionale e Analysis Services, l'amministratore dei sistemi di Business Intelligence dispone di un unico ambiente uniforme per gestire Analysis Services e SQL Server. Con SQL Management Studio, gli amministratori possono facilmente gestire tramite script oggetti, operazioni e attività di Analysis Services.

Gli amministratori dispongono inoltre di un potente editor per le query MDX e DMX. È possibile utilizzare Profiler per tracciare, catturare e riprodurre query di Analysis Services e altri comandi. Il backup e ripristino avanzati con istanze multiple, la sincronizzazione dei database tra più server e la maggiore precisione delle autorizzazioni amministrative sono solo alcuni dei nuovi strumenti di gestione disponibili.

Produttività. Grazie all'integrazione con Visual Studio, le intuitive procedure guidate e gli editor di Analysis Services offrono un vero ambiente per lo sviluppo di applicazioni che supporta tutto il ciclo di vita dei progetti. I numerosi vantaggi offerti dal nuovo BI Development Studio includono il controllo del codice sorgente, il controllo delle versioni, l'isolamento delle workstation, il debug incorporato e la gestione della configurazione.

Per saperne di più fai clic qui



©2014 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Contattaci |Note legali |Marchi |Informativa sulla privacy
Microsoft