Commissariato di P.S. online
 

5. Tutelati dallo spam e dalle truffe online

  • Prima di tutto il buonsenso

    I browser, come Internet Explorer, ma anche i programmi di posta elettronica come Outlook.com, offrono ottimi strumenti di protezione contro i tentativi di truffa online e la posta indesiderata. Prima degli strumenti informatici però, è il tuo buonsenso che ti deve far dubitare di chi dice di inviarti somme di denaro o premi per concorsi ai quali non hai mai partecipato. Non inviare mai dati sensibili in risposta a email di questo tipo e renderai la vita più difficile ai ladri informatici, il cui scopo è sottrarre informazioni personali o finanziarie per compiere furti di denaro e altri illeciti.

  • Una soluzione intelligente contro lo spam

    Ti sarà capitato molto spesso di trovare email con offerte di prodotti più o meno credibili nella tua casella di posta, provenienti da mittenti sconosciuti. Non sei certo il solo. È stato stimato che circa l'80% dei messaggi di posta elettronica scambiati nel mondo sia spam. Una mole davvero impressionante, ma quali sono le soluzioni contro questo fastidioso fenomeno? Microsoft ha investito molto in una tecnologia chiamata SmartScreen, in grado di evitare che messaggi indesiderati raggiungano la tua casella di posta in arrivo. È possibile che tu non te ne accorga, ma il filtro SmartScreen è sempre al lavoro per impedire agli spammer di utilizzare Outlook.com per inviare messaggi indesiderati. Questa tecnologia è stata sviluppata con l'aiuto della Polizia Postale e delle Comunicazioni, della Polizia Federale e di altre organizzazioni impegnate nella lotta allo spam.
    Grazie alla sua implementazione Outlook.com ha ridotto la posta indesiderata in Internet del 15%. Ma il dato più importante riguarda una riduzione del 90% della posta indesiderata nella tua casella di posta!

  • Difenditi dal phishing, non abboccare.

    Hai ricevuto un'email sgrammaticata dalla tua banca che ti chiedeva di inserire i tuoi codici di accesso al conto? Oppure un concorso di cui non ti ricordi nulla ti ha comunicato la vincita di un premio e per ottenerlo ti chiede di inserire i tuoi dati personali? Sono tentativi di phishing e ci auguriamo che tu non abbia abboccato, altrimenti sono dolori. Queste truffe hanno l'obiettivo di sottrarre informazioni personali o finanziarie attraverso un messaggio di posta elettronica o un sito Web ( generalmente un falso simile a quello della propria banca). In questo modo ci si appropria dell'identità della vittima per rubarle denaro o commettere altri illeciti. Internet Explorer ti aiuta a difenderti da queste frodi con il filtro SmartScreen che blocca i siti Web sospetti. È lo stesso filtro utilizzato anche in Hotmail per bloccare i tentativi di phishing tramite email, una tecnologia sempre attiva che lavora senza disturbarti.
    In ogni caso meglio tenere gli occhi aperti e non comunicare mai dati sensibili, a meno che il mittente e il sito non risultino assolutamente affidabili.

  • Non hai vinto la lotteria? Meglio così.

    Hai vinto la lotteria Microsoft, complimenti! Se questo messaggio ti è arrivato via email non rispondere e non fornire i tuoi dati. L'unica cosa che hai vinto in questo caso è un tentativo di truffa. L'email è uno degli strumenti privilegiati dai truffatori online, ma vengono utilizzati anche blog, social network, account PayPal e molti altri metodi per raggirare gli utenti. Sono sempre più frequenti fantomatici concorsi dove banche o aziende famose regalano premi tecnologici di valore, oppure vacanze e premi in denaro. Diffida di tutti questi casi, utilizza gli strumenti che ti mette a disposizione Microsoft contro le truffe online e non fornire mai i tuoi dati personali, a meno che tu non sia assolutamente certo dell'attendibilità del mittente.

  • Per i genitori

    Presta attenzione alle informazioni identificabili inserite nel profilo dei tuoi figli. Molti siti di social networking offrono la possibilità di partecipare a gruppi pubblici formati da tutti gli studenti che frequentano la stessa scuola. Se i tuoi figli rivelano informazioni sensibili, come la scuola frequentata, i luoghi dove vanno abitualmente o la via in cui vivono potrebbero essere utilizzate per identificarli. Troppe informazioni possono rendere i ragazzi vulnerabili a cyberbulli, adescatori, pedofili o truffatori.

    Al posto di pubblicare foto e video direttamente sui social network tuo figlio può sfruttare OneDrive, il servizio di cloud computing di Microsoft per condividere file nella massima sicurezza e solo con le persone che conosce. Scopri di più su SkyDrive

  • Domande

    1. Posso bloccare gli indirizzi da cui non voglio ricevere messaggi di posta sul mio account Outlook.com?
      Certo, grazie alla gestione della posta indesiderata puoi bloccare un determinato indirizzo di posta. Da quel momento non riceverai più messaggi dal quel mittente;
    2. Come posso segnalare un possibile tentativo di phishing?
      Con gli strumenti Microsoft puoi segnalare facilmente un sospetto tentativo di phishing:
      - attraverso il tuo browser Internet Explorer, mentre ti trovi su un sito sospetto. Fai clic sul tasto o sul menu sicurezza in Internet Explorer poi fai clic su Segnala sito Web come non sicuro e usa la pagina Web visualizzata per segnalare il sito.
      - con la posta elettronica Outlook.com. Se ricevi un'email sospetta che ti chiede informazioni personali, fai clic sulla casella di controllo accanto al messaggio nella posta in arrivo, fai quindi clic su Posta indesiderata e poi clicca su Tentativo di phishing;
    3. Come faccio a sapere se posso inserire i miei dati su una pagina Web?
      Prima di immettere dati sensibili verifica sempre che un sito usi la crittografia, una misura di sicurezza per codificare i dati che attraversano Internet. Sono indicatori di un sito crittografato l'indirizzo Web con https (dove la s sta per sicuro) e il simbolo di un lucchetto chiuso (il lucchetto potrebbe trovarsi anche nell'angolo in basso a destra della finestra).
      Internet Explorer ti aiuta a distinguere un sito attendibile da uno fasullo. Se per esempio sei nel sito della tua banca guarda la barra di Explorer, se è colorata di verde significa che il sito è autentico e ti puoi fidare;
    4. Esiste una lotteria Microsoft?
      Alcuni clienti Microsoft sono stati oggetto di una frode che utilizza messaggi email per promettere ingannevolmente denaro. Le vittime ricevono messaggi come "Hai vinto la lotteria Microsoft!". La lotteria Microsoft non esiste. Elimina il messaggio!

LA POLIZIA POSTALE
CONSIGLIA

  1. Spesso è inutile cercare di dissuadere i mittenti della posta non desiderata in quanto una risposta significa soltanto che la nostra è una casella attiva e quindi ancor più "appetibile" a fini pubblicitari. Meglio utilizzare la funzione "Blocca mittente".

I NOSTRI CONSIGLI

  1. I tentativi di phishing utilizzano temi di attualità o attività di interesse, come la falsa beneficienza e le false opportunità di lavoro, per saperne di più

LA POLIZIA POSTALE
CONSIGLIA

  1. Ecco come avviene un tentativo di phishing per carpire, attraverso un'email, i dati d'accesso della tua banca online. Ricevi un messaggio di posta che sembra provenire dalla tua banca e ti dice che c'è un imprecisato problema al sistema di "home banking". Ti invita pertanto ad aprire la home page della banca con cui hai il conto corrente online e di cliccare sul link indicato nell'email. Subito dopo aver cliccato sul link si apre una finestra (pop-up) su cui digitare i tuoi dati di accesso all'home banking. Dopo pochi secondi, in generale, appare un altro pop-up che ti informa che per assenza di collegamento non è possibile la connessione. A questo punto qualcuno è entrato in possesso dei tuoi dati e può fare operazioni dal tuo conto.
    Per contrastare questo fenomeno, Microsoft e altri partner hanno deciso di dar vita al Phish Report Network: una sorta di database che raccoglie le informazioni utili per identificare le email truffaldine che arrivano agli utenti di tutto il mondo e che consente di stilare una lista nera dei siti di phishing a cui sono stati attribuiti molti tentativi di truffa

I NOSTRI CONSIGLI

  1. Spesso i tentativi di truffa utilizzano il nome e il logo di aziende famose. Scopri come evitare le truffe che utilizzano il nome di Microsoft in modo fraudolento, come nel caso della finta lotteria MIcrosoft
In collaborazione con Polizia di Stato

Sei sicuro?

Compila il seguente questionario in forma anonima, serviranno solo pochi minuti!

Partecipa alla survey