Acquisisci più sicurezza per il giorno dell'esame con un Exam Replay or an Exam Replay with Practice Test.

Esame
70-498

Windows

  • Pubblicazione:
    8 giugno 2014
  • Lingue:
    Inglese, cinese (semplificato), francese, tedesco, giapponese, portoghese (Brasile)
  • Destinatari:
    Professionisti IT
  • Tecnologia:
    Visual Studio 2015
  • Credito per la certificazione:
    MCP, MCSD

Delivering Continuous Value with Visual Studio Application Lifecycle Management

* Il prezzo non include le offerte promozionali o le tariffe ridotte per i membri del programma Microsoft Imagine Academy, i Microsoft Certified Trainer e i membri del programma Microsoft Partner Network. Il prezzo è soggetto a variazioni senza obbligo di notifica. Il prezzo non include le tasse applicabili. Confermare il prezzo esatto con la struttura in cui si svolge l'esame prima di iscriversi all'esame.

In vigore dal 1 maggio 2017, la politica di cancellazione esistente è stata sostituita completamente con la seguente politica: La cancellazione e la riprogrammazione dell’esame entro 5 giorni lavorativi dal tempo dell’esame registrato è soggetto a compenso. Qualora il candidato non si presenti all'appuntamento pianificato per sostenere un esame, oppure non ripianifichi o annulli l'appuntamento almeno 24 ore prima, perde l'intero prezzo d'esame.

Competenze misurate

Questo esame misura la capacità di eseguire le attività tecniche elencate di seguito. Le percentuali indicano il peso relativo di ogni area di argomenti principale sull'esame. Maggiore è la percentuale, più domande è probabile che vengano poste nell'area di contenuti corrispondente in sede di esame. Guarda le esercitazioni video sui variety of question types degli esami Microsoft.

Tieni presente che le domande possono includere gli argomenti descritti nei punti elenco, ma non saranno limitate a tali argomenti.

Hai commenti sulla rilevanza delle competenze valutate in questo esame? Invia a Microsoft i tuoi commenti. Tutti i commenti verranno esaminati e inclusi in modo appropriato e la validità e affidabilità del processo di certificazione resteranno invariate. Microsoft non risponderà direttamente ai commenti ricevuti. Apprezziamo il contributo dell'utente a garantire la qualità del programma di certificazione Microsoft.

In caso di dubbi su domande specifiche di questo esame, puoi inviare un exam challenge.

Se hai domande o vuoi inviare dei commenti sugli esami di certificazione Microsoft oppure sui programmi di certificazione, sulla registrazione o sulle promozioni, contatta il tuo Regional Service Center.

Definire un ciclo di vita dello sviluppo del software (SDLC, Software Development Lifecycle) end-to-end efficace (15 ‒ 20%)
  • Comprendere l'importanza di formarsi un quadro completo degli strumenti e delle procedure per la gestione del ciclo di vita delle applicazioni (ALM, Application Lifecycle Management)
    • Comprendere che un problema osservabile può essere indicativo di un problema più generale; illustrare la differenza tra l'ottimizzazione di un frammento del processo ALM, come nel caso del test manuale, e l'ottimizzazione dell'intero processo ALM
  • Illustrare i vantaggi del feedback rapido
    • Mostrare l'importanza del feedback rapido in relazione ai requisiti di comunicazione, spiegare i vantaggi del feedback del cliente finale sin dalle prime iterazioni del software
  • Implementare strategie per ridurre il tempo di realizzazione complessivo
    • Identificare i colli di bottiglia nel processo di distribuzione, identificare le metriche in grado di evidenziare i colli di bottiglia, creare soluzioni potenziali la cui efficacia possa essere comprovata, comprendere la relazione tra semilavorato (WIP, Work In Process) e durata ciclo
  • Implementare strategie per migliorare la qualità del software
    • Identificare le fasi del processo che introducono difetti, comprendere il processo di qualità end-to-end, eseguire le attività per il miglioramento della qualità nelle fasi iniziali del ciclo di sviluppo
  • Implementare strategie per ridurre gli sprechi
    • Identificare attività dispendiose, creare strategie per eliminare gli sprechi, misurare l'efficacia delle attività di rimozione degli sprechi
  • Creare un piano di miglioramento del processo
    • Creare strategie per l'implementazione di modifiche organizzative, identificare le metriche chiave da tracciare durante gli sforzi migliorativi, creare consenso intorno alle modifiche
Definire il processo ALM (15 ‒ 20%)
  • Ruolo di diversi processi ALM
    • Comprendere il costo e i vantaggi dei processi ALM fondamentali, tra cui agile, scrum, a cascata e CMMI (Capability Maturity Model Integration)
  • Implementare un processo scrum/agile
    • Formare team auto-organizzati; convocare una riunione di pianificazione scrum/agile; convocare riunioni scrum/in piedi giornaliere, convocare riunioni retrospettive, convocare riunioni scrum di verifica
  • Definire un processo scrum/agile per un team
    • Determinare i criteri che definiscono quando annullare un'iterazione/sprint, individuare strumenti e processo per elementi scrum/agile, determinare la definizione scrum di "completato", determinare la lunghezza di un'iterazione/sprint, determinare il modo in cui gestire elementi backlog/storie utente non completati in un'iterazione/sprint, determinare il modo in cui monitorare l'avanzamento di iterazioni/sprint, utilizzare strumenti di collaborazione
  • Implementare Microsoft Solution Framework (MSF) per il miglioramento del processo CMMI
    • Determinare i riferimenti guida dei progetti (ambiti, date), assegnare i requisiti dei prodotti alle iterazioni, gestire le modifiche, gestire i problemi
Definire un'iterazione software (15 ‒ 20%)
  • Pianificare un rilascio
    • Identificare una matrice di flessibilità, identificare rilasci basati su elementi prioritari nella matrice di flessibilità e nei criteri di rilascio, pianificare le risorse (il team scrum è responsabile dell'allocazione dei membri del team), identificare le tecniche per l'ottimizzazione di un team geograficamente distribuito, selezionare una metodologia di progetto, gestione dei rischi
  • Definizione di un processo di monitoraggio del progetto
    • Pianificare e gestire un portafoglio di più progetti, identificare uno strumento per il monitoraggio del progetto e di un processo associato (processo di valutazione, gestione bug), definire la modalità di gestione delle energie, determinare la gestione delle previsioni del team, definire uno schema di priorità, determinare la modalità di convalida dello stato del progetto
  • Definire l'ambito di un progetto
    • Definire gli obiettivi di un rilascio, definire un processo di progettazione dell'architettura, definire i limiti di ambito (elenco sì/no), determinare la definizione di "completato", definire un processo da seguire se le previsioni di impegno si rivelano fortemente inesatte
Definire il valore finale per l'iterazione del software (15 ‒ 20%)
  • Ottenere i requisiti
    • Definire i requisiti del progetto, esaminare e chiarire i requisiti, definire i criteri di accettazione, definire i requisiti delle piattaforme dell'interfaccia utente (Web, mobile), assegnare un valore di business
  • Stima dei requisiti
    • Gestire e assegnare stime di impegno (assegnare i punteggi); ridimensionare i requisiti utente in parti più piccole e gestibili; creare il dettaglio attività; stimare i requisiti minimi
  • Requisiti documentali
    • Definire i criteri di accettazione, elencare i requisiti, aggiungere dettagli sui requisiti, progettare storyboard dell'interfaccia utente
  • Assegnazione di priorità ai requisiti
    • Identificare i requisiti critici, identificare i requisiti più importanti, coinvolgere l'intero team (compresi i clienti) nell'assegnazione di priorità ai requisiti, identificare le dipendenze
Sviluppare valore per i clienti con qualità elevata (15 ‒ 20%)
  • Definire indicatori di qualità del codice
    • Eseguire l'analisi del codice, compresi gli aspetti della sicurezza e delle prestazioni; analizzare il codice per verificare la presenza di difetti comuni; calcolare il code coverage; convalidare l'architettura
  • Incorporare unit test
    • Stabilire standard per gli unit test, sviluppare una strategia per l'aggiunta di unit test alle applicazioni esistenti, selezionare il tipo di unit test, determinare l'obiettivo di code coverage, utilizzare shim e stub per isolare l'applicazione
  • Sviluppare codice
    • Sviluppare codice di facile manutenzione; definire standard per la codifica; definire l'architettura dell'applicazione; definire i processi e gli strumenti per la gestione della configurazione (struttura di controllo del codice sorgente, strategia di diramazione, struttura della soluzione, controllo del codice sorgente/criteri di archiviazione); gestire più repository utilizzando Git; utilizzare strumenti per l'architettura, di modellazione e di progettazione; utilizzare strumenti di diagnostica e qualità
  • Verificare la qualità
    • Organizzare elementi di test quali test case, gruppi, piani e requisiti; definire una strategia di test; gestire l'esecuzione dei test; eseguire test di carico basati s cloud; identificare i tipi di test e gli strumenti associati; identificare e configurare gli ambienti; analizzare le esecuzioni dei test
  • Personalizzare un progetto team
    • Personalizzare un elemento di lavoro, personalizzare le query sugli elementi di lavoro, personalizzare il portale per il team, identificare aree e iterazioni, gestire i ruoli e le relative autorizzazioni
Integrare l'ambiente di sviluppo e quello operativo (15 ‒ 20%)
  • Implementare un processo di distribuzione automatizzato
    • Progettare un flusso di lavoro automatizzato per la compilazione e la distribuzione, integrare test automatici, automatizzare la distribuzione in ambienti sia di test che di produzione, analizzare i log di diagnostica per le compilazioni, gestire i rilasci, incluso Release Management
  • Implementare ambienti di pre-produzione
    • Automatizzare la creazione di ambienti di laboratori di test virtuali, automatizzare la distribuzione in ambienti di test virtuali
  • Gestire il feedback tra l'ambiente di sviluppo e quello operativo
    • Implementare strumenti per la semplificazione delle comunicazioni; identificare, misurare e riportare gli indicatori di analisi e di prestazioni chiave, come la durata ciclo e il tempo medio tra interventi successivi (MTTR, Mean Time To Repair); creare elementi e processi condivisi appropriati per la facilitazione delle comunicazioni; standardizzare gli elementi necessari per i report sui problemi; creare strategie per il riutilizzo dei test case (sia automatico che manuale) in produzione; monitorare un'applicazione in produzione per ottimizzare utilizzo e prestazioni
  • Risolvere i problemi in produzione
    • Estrapolare i dati sui problemi dai bug verificatisi in ambienti di produzione, fornire dati su cui è possibile intervenire al team di sviluppo, monitorare le applicazioni in esecuzione in produzione per problemi potenziali, gestire in modo collaborativo i tempi di risposta agli eventi imprevisti tra l'ambiente di sviluppo e quello operativo, utilizzare Application Insights in modo appropriato

Opzioni di preparazione

Video per la preparazione dell'esame

Microsoft Certification PREP Talk: esame 70-498

In questo episodio della serie di suggerimenti per la preparazione forniti direttamente dagli esperti di certificazioni, James Seymour, Certification Planner, e Richard Hundhausen, ALM MVP, discutono della rilevanza delle competenze misurate dall'esame 70-498.

Formazione in autonomia

Sessione Jump Start: Applying ALM with Visual Studio 2012.

Questa sessione di formazione Jump Start su richiesta è rivolta ai team di sviluppo applicazioni che desiderano gestire il ciclo di vita delle applicazioni (ALM, Application Lifecycle Management) per migliorare i propri processi di sviluppo e offrire continuità di valore con Visual Studio 2012. Questo corso breve è rivolto agli sviluppatori esperti che desiderano rendere le proprie competenze immediatamente operative.

Dalla community

Wiki per l'esame 70-498

Forum per l'esame 70-498

Segui @MSLearning e @visualstudio

A chi è destinato questo esame?

Questo esame è destinato a consentire ai candidati una stima della propria conoscenza dei concetti fondamentali dell'amministrazione di server. Può anche rappresentare un primo passo verso gli esami Microsoft Certified Technology Specialist. È consigliabile che i candidati assumano familiarità con i concetti e le tecnologie qui descritti seguendo i relativi corsi di formazione. Ai candidati è richiesta una esperienza pratica di Windows Server, reti Windows, Active Directory, gestione degli account e strumenti e concetti di ripristino del sistema.

Ulteriori informazioni sugli esami

Preparazione per un esame

Si consiglia di rivedere interamente questa guida per la preparazione dell'esame e di acquisire familiarità con le risorse in questo sito Web prima di pianificare l'esame. Vedere la Microsoft Certification exam overview per informazioni sulla registrazione, video con i formati tipici di domande degli esami e altre risorse di preparazione. Per informazioni sui criteri degli esami e sui punteggi, vedere i Microsoft Certification exam policies and FAQs.

Nota

Questa guida per la preparazione è soggetta a modifiche in qualsiasi momento e senza preavviso e a sola discrezione di Microsoft. Gli esami Microsoft possono includere tecnologie di test e di simulazione adattive. Microsoft non indica il formato in cui vengono presentati gli esami. Ti invitiamo a usare questa guida per la preparazione dell'esame indipendentemente dal formato dell'esame. Per aiutare i candidati a preparare questo esame, Microsoft consiglia di acquisire esperienza pratica con il prodotto e di utilizzare le risorse di formazione specificate. Queste risorse di formazione non coprono necessariamente tutti gli argomenti elencati nella sezione "Competenze misurate".